le notizie che fanno testo, dal 2010

Meteo: temperature week-end -15 gradi. Mai così freddo da 27 anni

Il meteo non lascia aperti molti dubbi, quello che ha colpito la Penisola italiana sarebbe un freddo mai visto da 27 anni a questa parte, tanto che alcuni meteorologi lo paraganano addirittura alle ondate di gelo del 1956 e del 1985.

Secondo i meteorologi il freddo che sta colpendo l'intera Penisola non si registrerebbe da ben 27 anni, e tutto per colpa dell'anticiclone russo siberiano. E se al Nord-Ovest la neve è già caduta, tanto che Genova è ormai imbiancata da due giorni e, come a Torino, è stata disposta la chiusura delle scuole ma anche dei mercati come dei cimiteri e degli impianti sportivi, i candidi fiocchi sono attesi nelle prossime 36 ore anche a Roma e Napoli. Da metà settimana, infatti, l'anticiclone che viene dalla Siberia toccherà anche il centro Italia, per raggiungere il Sud entro il 5 febbraio. Fino a metà febbraio, infatti, il freddo non abbandonerà le città, tanto che appunto già si parla della settima più fredda degli ultimi 27 anni, paragonata addirittura alle ondate di gelo del 1956 e del 1985, visto che si annunciano minime da record, con punte anche sotto i meno 15 gradi in questo fine settimana. La Protezione Civile prevede che il 1 febbraio ci potrebbero essere nevicate fino al livello del mare su Emilia Romagna, Toscana, Umbria e Marche mentre su Lazio, Abruzzo, Molise e Sardegna settentrionale la neve dovrebbe arrivare al di sopra dei 200-400 metri. Sulle regioni meridionali, invece, i fiocchi bianchi non si vedranno al di sotto dei 600-800 metri. Atteso, inoltre, anche al centro tra giovedì e venerdì il Buran, il vento gelido proveniente dalla steppa russa, che ha già colpito diverse segioni settentrionali. Purtroppo la morsa del freddo che ha colpito l'Italia ha già causato i primi danni, e purtroppo le prime vittime. L'ospedale Molinette di Torino, per esempio, comunica che a causa di una ristrutturazione in corso della centrale termica aziendale, necessaria in previsione del fatto che si annunciano giorni in cui si registreranno temperature anche sotto i 10 gradi, dovrà chiudere alcuni reparti per preservare invece le aree sanitarie a maggiore criticità (urgenze ed attività di trapianto). Il gelo, invece, ha ucciso una anziana donna, di 87 anni, malata di Alzheimer a Savona. La donna era uscita di casa ieri sera, e da allora non era più stata rintracciata dai familiari, fino al tragico ritrovamento di questa mattina. A Siracusa, invece, un bimbo è in gravi condizioni a causa di un incidente stradale. Il piccolo era in auto con la mamma, ma la vettura è dapprima caduta in una voragine, forse apertasi a causa del maltempo (vista la pioggia incessante), che si è poi riempita d'acqua per l'esondazione di un torrente. Il bambino, di un anno, è attualmente ricoverato. Autostrade per l'Italia comunica infine che "l'area del centro nord inizia in queste ore ad essere interessata dalle prime deboli precipitazioni nevose, che, nelle prossime ore, aumenteranno di intensità ed estensione, interessando tutti gli itinerari di collegamento tra il sud e il nord del Paese", avvisando quindi che "potrebbe essere necessaria l'attuazione dei protocolli in vigore, con il blocco dei camion con massa superiore alle 7,5 t sia da nord (Trentino, Veneto, Lombardia, Emilia) che da sud (Lazio, Puglia, Campania), con l'impossibilità, al momento, di prevederne la durata". Agli automobilisti, invece, viene raccomandato "di intraprendere il viaggio in autostrada lungo i tratti interessati dalle precipitazioni nevose solo se muniti di pneumatici invernali".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: