le notizie che fanno testo, dal 2010

Vietato Sniffare in ospedale: test antidroga per medici e infermieri

Una circolare in un ospedale di Santa Caterina Novella di Galatina in provincia di Lecce mette in guardia i medici e gli infermieri dall'uso di cocaina durante l'orario di lavoro. Le carte finiscono in procura, l'autore della circolare è criticato dalla sua ASL.

Chi lavora in ambito ospedaliero sembra non impressionarsi più di tanto per la circolare che sta "scandalizzando" la sanità italiana, quella che "vieta" ai medici e agli infermieri di sniffare cocaina.
La polvere bianca è ormai il vizietto quotidiano di milioni di italiani che senza quell'annusata fatidica non riescono a trovare il profumo della vita (e sembra neppure se stessi). Fatto sta che quando si guida un autobus, si vota una legge o si opera una persona, sarebbe bello che certi italiani fossero lucidi perché mettono in pericolo la vita degli altri.
Così all'ospedale Santa Caterina Novella di Galatina, in provincia di Lecce è spuntata una circolare dalla direzione sanitaria rivolta al personale tutto che chiede ai medici di non sniffare cocaina durante l'orario di lavoro.
La circolare dice anche, come riportano le agenzie: "Questo ufficio è pertanto tenuto a richiamare chi eventualmente ne facesse uso, ad astenersi durante il lavoro e ad intraprendere un idoneo programma di disintossicazione. Stante il tipo di sostanza, non dovrebbe essere così difficile". E chi è medico lo dovrebbe anche sapere.
L'iniziativa sembra essere venuta dal dirigente medico Giuseppe De Maria che invece di raccogliere stima e solidarietà nazionale per il coraggio e la schiettezza della circolare, viene invece criticato aspramente e sull'ANSA si legge che "la stessa Asl sta valutando se avviare eventuali procedimenti disciplinari oltre ad avere avviato una indagine interna per accertare la veridicità delle segnalazioni".
Il fatto che improvvisamente si riparli di cocaina negli ospedali sta risvegliando la possibilità di un test antidroga obbligatorio per medici ed infermieri, come ciclicamente veniva invocato anche per i deputati. Ma per qualsiasi soluzione radicale sul consumo di cocaina in professioni "delicate", come dicono gli inglesi, non è conveniente "trattenere il respiro".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: