le notizie che fanno testo, dal 2010

USA, medici contro Hot Dog: "possono rovinare la vostra salute"

Gli Hot Dog, quei gustosi panini visti in quasi ogni poliziesco americano e simbolo di una giornata passata a guardare lo sport "live" negli USA, sono sotto accusa da parte di una associazione di medici che ne sconsigliano il consumo. E per rendere l'idea, li "dipingono" come fossero sigarette.

La dieta a stelle e strisce, si sa, non è la più salutare del mondo e neppure quella più "ecosostenibile" ma, certamente, per molti è la più golosa. Anche in Italia, patria della "dieta mediterranea", l'alimentazione stile USA sta prendendo piede, soprattutto nelle nuove generazioni post catodiche, con evidenti svantaggi per la salute e per la linea. Non stupisce quindi che dei medici statunitensi organizzino, per l'ennesima volta, una campagna "shock" per sensibilizzare i propri concittadini sui pericoli di un consumo smodato di alimenti "trasformati". Questa volta l'obiettivo della campagna "salutista" sono i famosi "hot dog", raffigurati in un cartellone gigantesco nei dintorni dell'Indianapolis Motor Speedway, come se fossero sigarette in un pacchetto avente marca "teschio" (ecco la foto http://is.gd/U2OfD9). Lo slogan del gigantesco cartellone è "Attenzione: gli Hot Dog possono rovinare la tua salute" firmato "CancerProject.org". L'iniziativa è promossa infatti dal Cancer Project dell'organizzazione nonprofit "Physicians Committee for Responsible Medicine". Il cartellone è come si suol dire, "piazzato" nel luogo più giusto visto che, solo lo scorso anno, in occasione della "500 miglia di Indianapolis" hanno servito oltre 1,1 milioni di hot dog. L'organizzazione di medici, citando l'American Institute for Cancer Research, fa sapere ai concittadini amanti del panino più famoso d'America che "solamente una porzione di 50 grammi di carne lavorata (circa la quantità di un hot dog) consumata giornalmente aumenta il rischio di cancro colorettale in media del 21 per cento". Per questo l'organizzazione Physicians Committee for Responsible Medicine, fondata nel 1985, ha pensato di invitare gli spettatori della prossima corsa automobilistica ad astenersi dal consumare questo tradizionale "veleno".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: