le notizie che fanno testo, dal 2010

Ospedale Melegnano: incinta di 9 mesi con dolori, dimessa. Perde bambino 2 ore dopo

Una donna di 33 anni, incinta di 9 mesi, va in ospedale perché accusa forti dolori addominali ma viene dimessa. Due ore dopo torna all'ospedale Vizzolo Predabissi di Melegnano e finalmente viene ricoverata, ma è troppo tardi: il bambino muore, forse soffocato dal cordone ombelicale.

Tragedia a Melegnano. Una donna di 33 anni, incinta di 9 mesi, nel pomeriggio del 2 gennaio si è recata all'ospedale Vizzolo Predabissi di Melegnano perché accusava forti dolori addominali. I sanitari le avrebbero fatto una visita ginecologica, rassicurando la donna che era tutto a posto e quindi dimessa "poiché non emergevano indicazioni per proseguire l'osservazione in ospedale" come si legge in una nota stampa del nosocomio.

Dopo un paio d'ore, però, la donna ha continuato a sentirsi male ed tornata di corsa all'ospedale, ed a quel punto i medici hanno predisposto il ricovero. L'amministrazione dell'ospedale spiega che "a seguito del secondo accesso è stato deciso di ricoverare la gestante per iniziale travaglio" ma poco dopo si è reso necessario iniziare una procedura di urgenza per il parto cesareo poiché il feto aveva manifestato criticità cliniche.

Purtroppo, però, per il bimbo, che sarebbe dovuto nascere il 18 gennaio, era ormai troppo tardi: è nato morto, probabilmente soffocato dal cordone ombelicale. La magistratura ha aperto un fascicolo ed attende gli esami autoptici disposti sul feto. La direzione dell'ospedale assicura invece che c'è stata "una tempestività di azione dei sanitari coinvolti nell'accaduto e osservanza delle procedure".

© riproduzione riservata | online: | update: 04/01/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Ospedale Melegnano: incinta di 9 mesi con dolori, dimessa. Perde bambino 2 ore dopo
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI