le notizie che fanno testo, dal 2010

In dieta della Maturità 2011 l'antistress "essenziale" è il Triptofano

Maturità 2011, ormai il countdown è iniziato e l'ansia degli studenti comincia a salire. Più che la ricerca ossessiva delle tracce della prima prova su internet, è una dieta antistress che potrebbe aiutare ad arrivare rilassati il giorno dell'esame, soprattutto se si sarà assunto il "Triptofano".

Si sa che la maturità è uno dei momenti più stressanti per la vita di uno studente, soprattutto quando comincia ad avvicinarsi la fatidica data della prima prova scritta. Il 22 giugno migliaia di studenti si siederanno per affrontare il fatidico "tema di italiano", e spesso il problema principale è la mancanza di concentrazione, e quindi di idee, spesso dovuta all'ansia che attanaglia le ultime ore, e che molte volte causa anche insonnia. Più che la ricerca ossessiva su internet delle possibili tracce della prima prova (anche perché difficilmente vengono mai indovinate), per cercare di affrontare al meglio l'inizio degli esami di maturità è molto più utile seguire una dieta equilibrata. Per tutti quegli studenti afflitti da nervosismi ed ansie eccessive, ecco che quindi la Coldiretti formula "alcuni consigli antistress". "Via libera in tavola a piatti a base di pasta, riso, frutta e verdura, uova bollite e latte caldo - sottolinea la Coldiretti - mentre vanno abolite le sostanze eccitanti come il caffè e il the che erroneamente secondo tradizione accompagnano i giorni e le notti prima degli esami di uno studente su tre". La Confederazione Nazionale Coltivatori Diretti consiglia quindi a tutti gli studenti di non saltare i pasti, soprattutto la colazione "come fanno 4 candidati su 10", spiegando che "un aiuto per vincere la preoccupazione viene dagli alimenti ricchi di sostanze rilassanti". Se infatti cibi e bevande come patatine fritte, caffè, cacao e superalcolici sono da bandire nelle tavole dei maturandi, particolarmente importanti risultano invece tutti quegli alimenti che contengono un particolare aminoacido, il Triptofano "che favorisce la sintesi della serotonina, il neuromediatore del benessere e il neurotrasmettitore cerebrale che stimola il rilassamento", come ricorda Coldiretti. Il Triptofano è un aminoacido essenziale, ma il nostro corpo non è in grado di sintetizzarlo e quindi deve essere assunto tramite alimentazione. Il Triptofano, essendo precursore della serotonina e della melatonina, favorisce quindi il sonno ma ha anche una funzione antidepressiva e ansiolitica. I cibi ricchi di Triptofano sono soprattutto i formaggi, le uova, la carne di agnello e pesci come sardine e sgombri, questi ultimi ricchi oltretutto di omega 3 naturale.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: