le notizie che fanno testo, dal 2010

Tribunale del Mare: stop processo marò in India, ma non rientro in Italia

Il Tribunale del Mare di Amburgo decide di sospendere per il momento la giurisdizione indiana sul caso dei marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, in addesa che il tribunale arbitrale si esprima sul caso. Allo stesso tempo, i due marò non potranno rientrare in Italia.

Il Tribunale del mare di Amburgo decide di sospendere per il momento la giurisdizione indiana sul caso dei marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, i due fucilieri di marina accusati di aver ucciso due pescatori al largo della costa del Kerala il 15 febbraio 2012: i Giudici, che non hanno deciso all'unanimità, sentenziano infatti che "India e Italia devono entrambe sospendere tutti i procedimenti giudiziari e astenersi da nuove iniziative che possano aggravare o estendere la disputa o pregiudicare qualsiasi decisione del tribunale arbitrale". Allo stesso tempo, però, il Tribunale del Mare di Amburgo non accoglie la richiesta dell'Italia di far rientrare in patria i due marò fino alla decisione della Corte arbitrale che sovrà esprimersi sulla vicenda. "Siamo delusi che il Tribunale non abbia adottato nessuna misura sulla situazione di Latorre e Girone, ritenendo che della questione debba occuparsi la costituenda Corte arbitrale" ammette l'agente del governo italiano ad Amburgo, Francesco Azzarello, anticipando quindi. "Per tale ragione, l'Italia sta valutando di rinnovare le richieste relative alla condizione dei Fucilieri davanti alla Corte arbitrale, non appena essa sarà costituita".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: