le notizie che fanno testo, dal 2010

Marò, Girone abbiamo mantenuto la parola, ma siamo ancora qui in India

I due marò Salvatore Girone e Massimiliano Latorre ricordano, il giorno della Festa della Repubblica: "Abbiamo obbedito a degli ordini, abbiamo mantenuto una parola e la continuiamo a mantenere con grande dignità. E siamo ancora qui" in India.

Nel giorno della Festa della Repubblica, i due marò Salvatore Girone e Massimiliano Latorre parlano attraverso una webcam con i parlamentari riuniti nelle Commissioni Esteri e Difesa, mentre altri militari sfilano a Roma in via dei Fori Imperiali. E nelle parole dei due fucilieri di marina, da due anni trattenuti in India, risuonano frustrazione e insofferenza per una situazione che non sembra ancora destinata a risolversi, nonostante le promesse. "Abbiamo obbedito a degli ordini, abbiamo mantenuto una parola e la continuiamo a mantenere con grande dignità. E siamo ancora qui" rimprovera infatti Salvatore Girone, sottolineando: "Vorremmo che fosse riconosciuta la nostra innocenza, che i Paesi si parlassero non per le rotture. Il muro contro muro non serve. Continueremo a comportarci con dignità". Girone conclude ricordando: "Ogni militare impegnato in questo momento, americano o inglese, italiano o indiano, deve sentirsi tutelato nei propri diritti". Tutele di cui i due marò sembrano sentirsi sempre più privati.

© riproduzione riservata | online: | update: 02/06/2014

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Marò, Girone abbiamo mantenuto la parola, ma siamo ancora qui in India
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Il sito utilizza cookie di 'terze parti', se prosegui la navigazione o chiudi il banner acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickquiCHIUDI