le notizie che fanno testo, dal 2010

Caso marò: una email scagiona Latorre e Girone?

Potrebbe esserci una svolta nel caso dei due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, accusati dell'uccisione di due pescatori indiani il 15 febbraio 2012. Una email, pubblicata dal settimanale Oggi, lascia pensare al fatto che 3 anni fa ci potrebbero essere stati due incidenti diversi in orari differenti. Il documento potrebbe quindi scagionare Massimiliano Latorre e Salvatore Girone.

Potrebbe esserci una svolta nel caso dei due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, accusati dell’uccisione di due pescatori indiani il 15 febbraio 2012. Massimiliano Latorre potrà rimanere in Italia altri 3 mesi per motivi di salute, come gli è stato concesso pochi giorni fa dalla Suprema Corte indiana. Salvatore Girone, invece, è ancora trattenuto in India, in attesa di un processo ormai da 3 anni. Un documento inedito, pubblicato dal settimanale Oggi, potrebbe però portare a far cadere tutte le accuse nei confronti dei due marò italiani. Il settimanale pubblica infatti una "e-mail con la quale il comandante della Enrica Lexie (sulla quale Massimiliano Latorre e Salvatore Girone erano imbarcati), comunica all’armatore Fratelli D’Amato, ma anche alla nave militare Grecale e al marittime Security Centre Horn of Africa e all’United Kingdom Marine Trade operations, l’avvenuto incidente con un possibile barchino di pirati" come si legge su Oggi. Il settimanale ricorda che "l'armatore del peschereccio S. Antony sul quale persero la vita due pescatori ha sempre raccontato che gli spari li colpirono alle 21:30 (sempre ora indiana)", sottolineando però che la email è stata invece "spedita alle 19:15 (ora dell’India) e fa riferimento a un'aggressione operata da sei persone armate intorno alle 16:00". Il documento potrebbe quindi far ipotizzare al fatto che, quello stesso 15 febbraio 2012, ci potrebbero essere stati due incidenti diversi.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: