le notizie che fanno testo, dal 2010

Torino: microtelecamere nascoste nel bosco per proteggere la coltivazione marijuana

"Quattro amici hanno creato una piantagione di marijuana tra la fitta vegetazione di un bosco e per controllare il loro investimento hanno nascosto tre microtelecamere, intorno al campo, per registrare ogni movimento sospetto di curiosi e forze dell'ordine", si riferisce in una nota dai Carabinieri.

"Quattro amici hanno creato una piantagione di marijuana tra la fitta vegetazione di un bosco e per controllare il loro investimento hanno nascosto tre microtelecamere, intorno al campo, per registrare ogni movimento sospetto di curiosi e forze dell'ordine. I carabinieri della Stazione di Leini hanno individuato un gruppo di contadini fai da te dediti alla produzione, consumo e vendita di cannabis. I militari hanno arrestato uno studente universitario di 24 anni, abitante a Rivarossa, e denunciato i suoi tre amici e soci, tutti italiani, ritenuti responsabili, con ruoli e responsabilità differenti, di coltivazione di sostanze stupefacenti in concorso e detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. A casa dello studente, i militari hanno sequestrato 450 grammi di marijuana, 3,40 grammi di semi di marijuana, 0,30 grammi di foglie di marijuana, una struttura artigianale in cartone e spago per l'essiccazione delle foglie di marijuana, 3 microcamere digitali da 12 megapixel, 62 sacchetti in cellophane, di cui alcuni con residui di sostanza stupefacente, verosimilmente marijuana, cinque sminuzzatori con residui di marijuana e 1 hard disk contenente filmati documentanti la coltivazione del campo di marijuana" viene illustrato in una nota dall'Arma.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: