le notizie che fanno testo, dal 2010

Bologna: cuoco distratto smarrisce borsa con stupefacente, arrestato

"I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Bologna Centro hanno arrestato un 26enne di Bologna per coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Un cittadino giungeva in caserma con un borsone di tela di colore nero, dicendo di averlo recuperato da terra dopo che un uomo alla guida di uno scoter lo aveva accidentalmente perso nelle vicinanze", viene messo al corrente in un comunicato dai Carabinieri.

"I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Bologna Centro hanno arrestato un 26enne di Bologna per coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Un cittadino giungeva in caserma con un borsone di tela di colore nero, dicendo di averlo recuperato da terra dopo che un uomo alla guida di uno scoter lo aveva accidentalmente perso nelle vicinanze" si illustra in un comunicato dall'Arma.
La Benemerita riporta: "Come da prassi, i militari aprivano il borsone alla ricerca di qualche elemento che potesse aiutarli nella restituzione dell'oggetto al rispettivo proprietario. Con un certo stupore, rinvenivano due sacchetti di plastica trasparenti per alimenti, sui quali era stato scritto a mano, mediante un pennarello di colore blu, '200' in uno e '300' nell'altro, numeri che corrispondevano al peso in grammi, 211 e 314,60, della marijuana contenuta in ognuno di essi."
Si rende noto poi: "Gli inquirenti trovavano anche due buste postali indirizzate al 26enne. Presumendo che si potesse trattare del proprietario della borsa, immediatamente, si recavano a casa del soggetto e si appostavano in attesa del suo ritorno. Una volta intercettato, gli perquisivano l'appartamento trovando due bilancini elettronici di precisione, del materiale da confezionamento, tre sacchetti contenenti complessivamente 275,9 grammi di marijuana e un involucro con dentro 9,35 grammi di semi di cannabis."
I militi specificano in conclusione della nota: "Nel garage di pertinenza dell'appartamento in uso al giovane, i Carabinieri hanno scoperto una serra artigianale modello 'Cultibox', dotata di lastre di alluminio e porta lampade che lo stesso ammetteva di aver installato per coltivare la sostanza stupefacente rinvenuta, al fine di trarre un sostentamento economico per vivere e pagare le utenze domestiche, a causa, indirettamente, del suo datore di lavoro che non lo paga più da tempo". Il 26enne, che fa il cuoco, incensurato, è stato tradotto in Tribunale per l'udienza di convalida dell'arresto.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: