le notizie che fanno testo, dal 2010

I batteri mangia greggio che digeriscono la marea nera

Sarebbero stati scoperti dei superbatteri super divoratori di petrolio indigeni del Golfo del Messico che distruggerebbero la Marea Nera e godrebbero del tossicissimo solvente gettato in mare per disperdere (illusoriamente) il petrolio. Molti i dubbi.

C'è una Marea Nera da far scomparire dal mare e dai media e così studi su studi saranno pubblicati per "normalizzare" il più grave disastro industriale sul mare di tutti i tempi.
Tra un po', c'è da scommetterci, nulla sarà successo e sarà auspicabile avere una "marea nera" ogni tanto per far rifiorire l'ambiente.
Uno dei primi studi "ottimisti" che sta facendo il giro del mondo è che nel Golfo del Messico vivano dei batteri che sarebbero grandi "divoratori" di petrolio molto più di tutti quelli conosciuti.
Lo studio che verrà pubblicato sulla rivista ortodossa "Science" condotto da Terry Hazen, ricercatore del Berkeley National Laboratory, sembra anche decantare le lodi del tossicissimo solvente usato per "disperdere il greggio" che avrebbe "avvantaggiato" i batteri riducendo il petrolio in goccioline.
Qualche malpensante potrebbe sostenere che la lobby dei petrolieri sarà molto contenta di studi di questo genere. Aspettando il rapporto di Greenpeace.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: