le notizie che fanno testo, dal 2010

Manovra correttiva anticipata:aumento pressione fiscale che "fa paura"

La manovra correttiva da quasi 80 miliardi di euro e il pareggio di bilancio anticipato al 2013, cosa porterà nelle tasche degli italiani? La risposta sembra niente, o quasi, visto che la pressione fiscale aumenterà a livelli record come mai in passato.

I mercati vanno a picco e l'Italia corre ai ripari anticipando di un anno il pareggio del bilancio, il cui obiettivo non è più stato fissato al 2014 ma al 2013. La CGIA di Mestre ha quindi calcolato che tra gli effetti della manovra correttiva da quasi 80 miliardi vi sarà inevitabilmente un aumento della pressione fiscale. Ma forse neanche la CGIA di Mestre sospettava che la pressione fiscale avrebbe toccato, nel 2013, ben il 44,3%. "L'anticipo della manovra correttiva farà aumentare la pressione fiscale a livelli record mai toccati in passato" commenta Giuseppe Bortolussi, segretario della CGIA, spiegando che senza anticipo la manovra correttiva avrebbe invece portato la pressione fiscale al 42,6%. "Un 1,7% in più, rispetto alla previsione pre-manovra, che fa veramente paura" continua Bortolussi, ricordando inoltre che "il punto massimo raggiunto in passato è avvenuto nel 1997" quando la pressione fiscale raggiunse, dopo l'introduzione della cosiddetta 'Eurotassa', "solo" il 43,7%. Se a questo si somma che "l'indebitamento medio delle famiglie consumatrici italiane" ha raggiunto la media di 19.198 euro, è evidente come il futuro che l'Italia si sta costruendo non sarà affatto roseo. Di certo sarà molto povero.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: