le notizie che fanno testo, dal 2010

Cologno Monzese: dopo videopoker torna a casa ubriaco e picchia la moglie, arrestato

"I Carabinieri hanno tratto in arresto in flagranza di reato un cittadino albanese di 48 anni, incensurato, accanito giocatore di videopoker. L'uomo si è reso responsabile di gravi maltrattamenti in famiglia, perpetrati in danno della moglie, una 45enne della medesima nazionalità", viene esposto in un comunicato dai militari.

"La scorsa notte, i Carabinieri della locale Tenenza (Cologno Monzese, Milano) hanno tratto in arresto in flagranza di reato un cittadino albanese di 48 anni, incensurato, accanito giocatore di videopoker. L'uomo si è reso responsabile di gravi maltrattamenti in famiglia, perpetrati in danno della moglie, una 45enne della medesima nazionalità" divulga in una nota l'Arma.
"I militari sono intervenuti presso l'abitazione della coppia dopo che, per l'ennesima volta, il marito, rientrato in casa ubriaco, aveva strattonato la donna, colpendola ripetutamente e stringendole le mani attorno al collo. Solo l'intervento del figlio, rincasato in quel momento, ha consentito di impedire che si arrivasse a più gravi conseguenze e, mentre l'ubriaco veniva distratto, la stessa vittima è riuscita a chiamare col cellulare i Carabinieri, giunti prontamente in soccorso" prosegue la Benemerita.
"Anche davanti ai militari dell'Arma - evidenziano i militi -, l'uomo ha continuato a minacciare la moglie, tentando di aggredirla: a questo punto sono scattate le manette e, immobilizzato il violento, l'incubo si è concluso. Gli investigatori hanno quindi ricostruito una lunga serie di soprusi, subiti in silenzio dalla vittima sin dal 1995 e divenuti vere e proprie violenze quando all'alcool si aggiunse il gioco d'azzardo. Nel 2012 la donna, ritenendo di dare al marito una nuova opportunità, ritirò anche una denuncia sporta per fatti analoghi, senza tuttavia che si registrasse alcun cambiamento."
"I Carabinieri hanno condotto l'arrestato presso la casa circondariale di Monza - si comunica in ultimo -, in attesa delle determinazioni dell'Autorità giudiziaria, mentre la moglie ha dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso cittadino, per i trauma, riportati mentre tentava di difendersi."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: