le notizie che fanno testo, dal 2010

Mafia: trasferimento carcere per Riina e Provenzano. Orlando: delucidazioni

"I principali capi di Cosa Nostra, tra cui Totò Riina, Bernardo Provenzano, Leoluca Bagarella e i fratelli Filippo e Giuseppe Graviano, sono stati trasferiti dalle carceri in cui erano detenuti al 41 bis da alcuni anni". Andrea Orlando chiede delucidazioni al Dap (Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria)

Stando a quanto riporta l'Agi, che cita fonti del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria (Dap), "i principali capi di Cosa Nostra, tra cui Totò Riina, Bernardo Provenzano, Leoluca Bagarella e i fratelli Filippo e Giuseppe Graviano, sono stati trasferiti dalle carceri in cui erano detenuti al 41 bis da alcuni anni". I trasferimenti riguarderebbero circa 200 detenuti sottoposti al cosiddetto carcere duro, tra cui anche esponenti della 'ndrangheta e della camorra. Bernardo Provenzano, ricoverato ieri in ospedale nel capoluogo lombardo, è stato trasferito dal carcere di Parma a quello di Milano, mentre Totò Riina sarebbe finito in quello di Parma. In una nota del Ministero della Giustizia, viene sottolineato che Andrea Orlando ha chiesto delucidazioni al Dap in merito al trasferimento di Bernardo Provenzano, confermando che "il boss di mafia, detenuto in regime di 41bis, è ricoverato da ieri pomeriggio all'ospedale San Paolo di Milano e, nei giorni scorsi, era stato trasferito dal carcere di Parma, a quello milanese di Opera". La richiesta di delucidazioni da parte di Orlando "è finalizzata ad approfondire se lo spostamento sia legato ad esigenze di sicurezza o ad una modifica delle condizioni di salute del boss". Il fatto che anche altri boss mafiosi siano stati però trasferiti, se confermata l'indiscrezione dell'Agi, farebbe però scartare l'ipotesi inerente le "condizioni di salute" di Provenzano.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: