le notizie che fanno testo, dal 2010

Legge stabilità 2016: ok odg per esenzione Irap medici di medicina generale

"Introdurre l'esenzione dal pagamento dell'Irap per i medici di medicina generale che lavorano in esclusiva in convenzione con il servizio sanitario nazionale, nel caso si avvalgano di un collaboratore di studio. Era questo l'obiettivo del mio emendamento alla legge di stabilità che è stato poi trasformato in ordine del giorno", spiega in una nota Laura Fasiolo, parlamentare PD.

"Introdurre l'esenzione dal pagamento dell'Irap per i medici di medicina generale che lavorano in esclusiva in convenzione con il servizio sanitario nazionale, nel caso si avvalgano di un collaboratore di studio. Era questo l'obiettivo del mio emendamento alla legge di stabilità che è stato poi trasformato in ordine del giorno e accolto dal Governo in commissione Bilancio al Senato" spiega in una nota Laura Fasiolo, senatrice del PD, aggiungendo: "Il senso dell'ordine del giorno è quello di offrire ai cittadini un servizio di medicina territoriale integrato, di qualità e fruibile in un arco di tempo più ampio, alleggerendo il ricorso alle cure ospedaliere, passando da una medicina di attesa ad una medicina di prevenzione e gestione della complessità specie del paziente cronico."
"Oggi i medici che hanno dato concretezza ai contenuti del decreto Balduzzi, subiscono l'assoggettamento al pagamento dell'Irap per il solo fatto di aver assunto un collaboratore di studio, e ciò avviene in modo disomogeneo sul territorio nazionale e anche all'interno della stessa regione a seconda dell'orientamento discrezionale adottato dalle sezioni territoriali dell'Agenzia delle Entrate di appartenenza. - spiega l'esponente dem - Il Governo si è dunque impegnato ad approfondire un tema così delicato che investe un servizio territoriale essenziale per i cittadini". Fasiolo conclude: "Già in diverse circostanze è stato registrato che l'impatto sulla finanza pubblica di questo provvedimento potrebbe essere decisamente positivo sia per l'espansione voluta dal Governo di una medicina territoriale che produrrebbe risparmi rispetto a ospedalizzazione e sia - evidenzia - per l'eliminazione di un contenzioso che vede l'Agenzia delle Entrate sempre più soccombente rispetto a sentenze della Corte di Cassazione a favore dei ricorrenti"

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: