le notizie che fanno testo, dal 2010

Legge stabilità 2016, Brunetta: Munchau del Ft invita l'Italia a "prepararsi al peggio''

"Se non fossero bastate Corte dei Conti, Istat, Banca d'Italia, Ufficio parlamentare di Bilancio e Servizio Bilancio di Camera e Senato, oggi anche l'editorialista del 'Financial Times' Wolfgang Münchau sul 'Corriere della Sera' esprime tutte le sue perplessità sulla Legge di stabilità di Renzi e Padoan", spiega in una nota il deputato di FI Renato Brunetta.

"Se non fossero bastate Corte dei Conti, Istat, Banca d'Italia, Ufficio parlamentare di Bilancio e Servizio Bilancio di Camera e Senato, oggi anche l'editorialista del 'Financial Times' Wolfgang Múnchau sul 'Corriere della Sera' esprime tutte le sue perplessità sulla legge di stabilità di Matteo Renzi e Pier Carlo Padoan" sottolinea Renato Brunetta. "E, si noti bene, Múnchau è uno di quelli che negli anni della crisi si è schierato per l'allentamento dei vincoli di bilancio europei e contro il rigorismo cieco e l'austerità fine a se stessa della cancelliera Merkel" ricorda il capogruppo di Forza Italia alla Camera, aggiungendo: "Ma Renzi non sta cambiando le regole in Europa, Renzi sta semplicemente scassando i conti pubblici italiani. Con una manovra tutta in deficit, 'che non solo esaurisce i limiti di ciò che è tecnicamente possibile sotto la normativa di flessibilità in UE, ma che inoltre contiene una buona dose di rischio strutturale'".
"Con il rallentamento dell'economia cinese, i paesi emergenti in difficoltà e una nuova crisi finanziaria globale alle porte, che il governo italiano ignora del tutto, se Renzi non sarà baciato, come crede, dalla dea Fortuna, cosa su cui ha fondato tutta la sua inesistente politica economica, 'non solo la manovra finanziaria si rivelerà insostenibile, ma verrà rimessa in discussione la partecipazione dell'Italia all'eurozona'. - prosegue Brunetta - Piuttosto che 'inneggiare alle ultime rosee previsioni', quindi, per Renzi 'è venuto il momento di prepararsi al peggio'. Lo scrive Múnchau. Lo sosteniamo da sempre, lo sottoscriviamo oggi anche noi".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: