le notizie che fanno testo, dal 2010

Legge di stabilità: governo pone la fiducia. Atteso maxiemendamento

Nonostante il governo Letta sembrava aperto a tutte le modifiche in Parlamento sulla legge di stabilità (purché a saldi invariati), alla fine l'esecutivo ha posto il voto di fiducia, un giorno prima del voto sulla decadenza di Silvio Berlusconi. Atteso un maxiemendamento alla legge di stabilità, nonostante la Commissione Bilancio del Senato abbia approvato il ddl senza dare il mandato al relatore.

La Commissione Bilancio del Senato ha approvato nella notte il ddl stabilità, senza però dare il mandato al relatore. Teoricamernte, quindi, sono decadute tutte le modifiche approvate finora. Il governo Letta, che sceglie di porre la fiducia sulla legge di stabilità un giorno prima del voto sulla decadenza di Silvio Berlusconi, potrebbe quindi presentare o il testo originario dell'esecutivo oppure un maxiemendamento che recepisca tutte, o in parte, le modifiche. Da capire se entrerà nella legge si stabilità anche l'emendamento, finora solo depositato, sulla tassazione della casa, che dovrebbe andare sostituire nel 2014 la Trise con la Iuc, imposta unica comunale, che però sarà sempre divisa in tre componenti: l' IMU, ma non sulla prima casa, la Tari sulla raccolta dei rifiuti e la Tasi sui servizi indivisibili. Il governo presenterà all'Aula del Senato la legge di stabilità nel primo pomeriggio, mentre la fiducia si comincerà a votare in serata.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: