le notizie che fanno testo, dal 2010

Legge Stabilità 2013: taglio cuneo fiscale e non IRPEF. Blocco IVA 10%

Comincia a trovarsi una intesa sulla legge di stabilità 2013. Salta il taglio dell'IRPEF, ma al suo posto ci sarà quello del cuneo fiscale. Bloccata l'IVA al 10% e agevolazioni fiscali non più retroattive al 2012.

Cominciano ad esserci spiragli di intesa sulla legge di Stabilità 2013. Un primo accordo è stato infatti siglato oggi tra il ministro dell'Economia, Vittorio Grilli, e i relatori di maggioranza Renato Brunetta (Pdl) e Pierpaolo Baretta (PD). Tra le novità principali rispetto al testo uscita dal CdM, c'è il fatto che salterà il taglio di un punto dell'IRPEF previsto per le prime due fasce di reddito, poiché al suo posto verrà introdotto un taglio del cuneo fiscale (che in soldoni è la differenza tra quanto pagato dal datore di lavoro e quanto incassato effettivamente dal lavoratore). Ancora non è del tutto chiaro come e di quanto verrà ridotto il cuneo fiscale, ma il Pdl assicura che bisognerà trovare un modo per mettere insieme il costo del lavoro, la produttività e l'Irap. Eliminando il taglio dell'IRPEF, il governo si ritrova "in mano" risorse pari a circa 4,3 miliardi nel 2013 e 6,6 miliardi nel 2014, che potranno forse servire, questo è l'auspicio, a bloccare l'aumento di un punto percentuale dell'IVA a luglio 2013 (che passerebbe dal 21% al 22%). Trovata invece già l'intesa in merito all'IVA al 10%, che rimane così com'è. Per quanto riguarda invece le agevolazioni fiscali, la franchigia di 250 euro su deduzioni e detrazioni e il tetto di 3.000 euro a gran parte delle spese detraibili non saranno più retroattivi al 2012. Il Popolo della libertà sta insistendo affinché vengano escluse dal tetto, oltre, le le spese sanitarie, anche le rate dei mutui.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: