le notizie che fanno testo, dal 2010

Collegato Ambientale alla legge di stabilità 2014, Ecodem: rilancia green economy

Dopo che la Commissione Ambiente ha dato mandato ai relatori di riferire sul Collegato Ambientale alla legge di stabilità 2014, che approvata arriva quindi in Aula a Montecitorio, c'è soddisfazione da parte degli Ecologisti Democratici: "Si tratta di un risultato importantissimo per rilanciare la Green economy".

Soddisfazione da parte degli Ecologisti Democratici, dopo che la Commissione Ambiente ha dato mandato ai relatori Alessandro Bratti (presidente nazionale Ecodem) ed Enrico Borghi, di riferire sul Collegato Ambientale alla legge di stabilità 2014, che approvata arriva quindi in Aula a Montecitorio. "Si tratta di un risultato importantissimo per rilanciare la Green economy e per declinare le tematiche ecologiste con lo sviluppo economico, occupazionale e sociale del Paese" affermano in una nota gli Ecologisti Democratici, che sottolineano che "nel testo sono stati inseriti ben tre articoli che affrontano il tema degli 'appalti verdi', che disciplinano l'applicazione dei 'criteri ambientali minimi' negli appalti pubblici di forniture e negli affidamenti di servizi nel settore della pubblica amministrazione. - aggiungendo - In particolare, la norma prevede l'obbligo che le Pa, incluse le centrali di committenza, contribuiscano al conseguimento degli obiettivi ambientali attraverso l'inserimento, nei documenti di gara, di specifiche clausole e condizioni tecniche. In questo modo verranno premiate le imprese 'green' e verrà incentivato anche l'acquisto di prodotti derivanti da materiali post consumo". Gli Ecologisti Democratici evidenziano anche altre novità insrite nel provvedimento come quelle che "riguardano la riorganizzazione delle Autorità di bacino, per renderle più efficaci ed efficienti e, l'introduzione di sgravi all' 'ecotassa' per quei comuni virtuosi che raggiungono gli obiettivi di raccolta differenziata. - e ancora - Sempre per i Comuni viene inoltre introdotta la 'contabilità ambientale': uno strumento per misurare il tasso green del proprio territorio. Un ulteriore passo in avanti verso la riduzione delle emissioni climalteranti è poi la destinazione di risorse, pari a 35 milioni di euro, per incentivare la mobilità sostenibile". Gli Ecodem non mancano inoltre di ricordare anche "l'introduzione del divieto, a partire dal 1 luglio 2015, di 'abbandono di mozziconi da prodotti da fumo e di gomme da masticare sul suolo, nelle acque e negli scarichi' ", con multe per i trasgressori fino a 150 euro, con i proventi delle sanzioni che confluiranno in un Fondo che servirà a promuovere campagne di sensibilizzazione e alla pulizia del sistema fognario.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: