le notizie che fanno testo, dal 2010

Istat: più occupati ma calo dipendenti. E' nuovo abuso partite IVA?

A settembre 2016 l'Istat certifica che ci sono 45 mila unità rispetto ad agosto, ma al contempo si registra un calo dei dipendenti. Terminato l'effetto Jobs Act c'è un ritorno alle partite IVA e collaborazioni?

"A settembre gli occupati crescono di 45 mila unità rispetto ad agosto ed anche su base annua si registra una crescita di 265 mila occupati. Ma, mentre su base annua a crescere sono soprattutto i dipendenti a tempo indeterminato, la crescita dell'ultimo mese è attribuibile agli indipendenti, a fronte di un calo dei dipendenti, soprattutto a termine, con i permanenti che sono stazionari" osserva in una nota il segretario confederale della CISL Gigi Petteni commentando i dati Istat sul mondo del lavoro.

Il sindacalista spiega quindi "il lieve aumento dei disoccupati" con il "calo degli inattivi, cioè più gente cerca lavoro", ma che evidentemente non lo trova. Nonostante l'occupazione continui quindi a crescere a ritmi inferiori al 2015, per la CISL gli ultimi dati dell'Istat sono "incoraggianti", avvertendo però che "va però tenuta d'occhio la composizione della crescita occupazionale".
Il sindacato invita quindi a capire se la crescita del lavoro autonomo "non nasconda un ritorno all'abuso delle partite IVA e collaborazioni", visto che sono stati ridotti gli sgravi del Jobs Act.

© riproduzione riservata | online: | update: 03/11/2016

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Istat: più occupati ma calo dipendenti. E' nuovo abuso partite IVA?
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI