le notizie che fanno testo, dal 2010

Crisi settore latte, Guidesi (Lega Nord): proposte Martina tardive

"Il governo sta letteralmente distruggendo il settore del latte e ora, dopo aver messo alle spalle al muro i produttori di latte con multe, cartelle esattoriali sospese e riattivate, si fa bello annunciando frettolose e tardive misure da attuare in Europa" così in una nota Guido Guidesi, esponente della Lega Nord.

"Il governo sta letteralmente distruggendo il settore del latte e ora, dopo aver messo alle spalle al muro i produttori di latte con multe, cartelle esattoriali sospese e riattivate, si fa bello annunciando frettolose e tardive misure da attuare in Europa" denuncia in una nota Guido Guidesi, capogruppo della Lega Nord nella Commissione bilancio.
Al prossimo Consiglio dei ministri agricoli europei di marzo l'Italia presenterà infatti quattro proposte per affrontare la crisi europea del latte: rafforzamento delle norme UE su etichettatura del latte e prodotti lattiero caseari, raddoppio della soglia degli aiuti de minimis per 3 anni, maggiore tutela degli allevatori con regole chiare sui contratti e meccanismi di indicizzazione dei prezzi, nuove misure di promozione del latte per contrastare il calo dei consumi.
"Il ministro per le politiche agricole Maurizio Martina chiude la stalla quando ormai i buoi sono andati. - afferma però l'esponente del Carroccio - Oggi abbiamo appreso anche che la situazione è ancora più critica, in seguito all'aumento della produzione europea che ha fatto scendere domanda e prezzi".
"Davanti a questo scempio perpetrato ai danni del settore primario cosa ci risponde il governo? Dov'era il ministro Martina quando per mesi gli abbiamo girato il grido di allarme dei produttori, affossati dalle assurde misure vessatorie varate da questa stessa maggioranza?" domanda quindi il parlamentare, concludendo: "La mancanza di lungimiranza e di buon senso messa in atto da questo governo è emersa con tutte le sue falle e a pagarne le spese, come sempre, è la parte produttiva del nostro paese, mai messa in condizione di lavorare e guadagnare."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: