le notizie che fanno testo, dal 2010

USA: il sito che viola il copyright verrà chiuso

Proposta di legge agghiacciante e bipartisan dal Senato degli Stati Uniti che sostanzialmente promette di chiudere i siti che violeranno qualsiasi tipo di copyright, dentro e fuori gli Stati Uniti. Una bel auspicio per chi propone Internet al Nobel della Pace.

Il Senato degli Stati Uniti ha tirato fuori dal cilindro un'interessante proposta sullo stile "neocopyright" che permetterà al Dipartimento della Giustizia americano di chiudere o addirittura annullare i siti e i domini internet che violeranno le leggi del copyright. Questa proposta di legge bipartisan "Combating Online Infringement and Counterfeits Act" è estremamente controversa perché promette di fare "giustizia" con un breve processo civile sia all'interno degli Stati Uniti che oltre i suoi confini, bloccando ad esempio la fruizione del sito che viola il "copyright" verso gli USA.
Questo disegno di legge che comincia la sua marcia verso la firma del Presidente Obama trova il sostegno, secondo la stampa statunitense, di alcuni importanti gruppi di intrattenimento comprese le aziende come Viacom, che possiede MTV, Harmonix, e molti media e gruppi di intrattenimento.
Questo disegno di legge sembra non riguarderà solamente i siti che fanno da indici e "ponti" per il file sharing ma ogni sito che violerà i diritti di copyright dei legittimi proprietari.
Se questo disegno passerà tutti i blogger (e le major travestite da blog e giornaletti) ad esempio dovranno rinunciare ad avere fotografie sui propri siti ritenendole "di pubblico dominio" perché tutte hanno un copyright e potrebbero per questo vedersi oscurare da un momento all'altro; oppure chi continua a fare in buona fede le rassegne stampa o chi in malafede copia e incolla gli articoli potrebbe vedere oscurato o perfino "incenerito" il suo sito con una causa internazionale per violazione di copyright.
Insomma, anche se nessuno ancora se ne è accorto, la battaglia civile per la libertà di espressione è iniziata. Speriamo che non sia combattuta solo a colpi di amici su Facebook.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: