le notizie che fanno testo, dal 2010

Quando leggere è reato: errore 451 per indicare la censura su internet

Come nel romanzo di Ray Bradbury, Fahrenheit 451, anche su internet sempre più spesso alcuni contenuti sono oggetto di censura. Alcune volte per le pagine ledono il copyright o privacy, ma in molti casi la censura è governativa ed applicata a discrezione. L'Internet Engineering Steering Group (IESG) ha quindi ideato la pagina di errore 451.

Dal 18 dicembre la censura su internet sarà svelata attraverso una ben determinata pagina di errore. L'Internet Engineering Steering Group (IESG) ha infatti approvato un nuovo codice Hypertext Transfer Protocol (HTTP) da utilizzare per le pagine il cui accesso è stato censurato per motivi legali. Quando una pagina, oppure un intero sito web, verrà bloccato a causa di una richiesta di censura non dovrebbe quindi più apparire l'errore 403 che indicava solo un generico "divieto d'accesso" ma l'errore 451. Il numero della pagina è ispirato al romanzo di Ray Bradbury, Fahrenheit 451, che racconta di una società distopica in cui leggere o possedere libri è considerato un reato. L'errore 451 dovrebbe apparire quando viene oscurato un sito o una sua pagina a seguito di una richiesta legale da parte di un governo o dell'autorità giudiziaria. L'IESG invita quindi "le autorità responsabili della censura a spiegare il motivo per cui l'accesso al sito è stato bloccato". Infatti, il codice di errore HTTP 451 potrebbe essere utilizzato per indicare diversi tipi di censura, poiché potrà essere applicato a pagine web ritenute un pericolo per la sicurezza nazionale, ma anche a quelle ritenute lesive del copyright e della privacy o che violano le leggi sulla blasfemia, per esempio. Per far apparire l'errore 451, però, i siti dovranno essere legalmente autorizzati a rivelare che la risorsa è stata rimossa. In caso contrario, continuerà ad apparire un più generico codice di errore. L'errore 451 farà molto comodo ai giganti di internet quali Google, Facebook e Twitter che potranno quindi indicare ai propri utenti che alcune pagine sono "introvabili" non per un loro malfunzionamento ma perché i contenuti sono stati censurati.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: