le notizie che fanno testo, dal 2010

Nuova legge diffamazione a mezzo stampa, Confindustria: togliere diritto all'oblio

Nella nuova legge sulla diffamazione a mezzo stampa anche la norma sul diritto all'oblio. Confindustria Radio-Tv deposita una proposta per sopprimere la norma sul diritto all'oblio perché "può rappresentare una forte limitazione al proprio diritto di espressione".

La proposta di legge che indente riformare le regole sulla diffamazione, anche a mezzo stampa, è alla Camera per la seconda lettura. All'interno della nuova legge sulla diffamazione a mezzo stampa, anche la norma sul diritto all'oblio che darebbe, così come è attualmente formulata, la possibilità all'interessato di chiedere l'eliminazione dai siti internet e dai motori di ricerca i contenuti che ritiene diffamatori o i dati personali. Il problema, è che tale richiesta arriverebbe anche prima che un giudice sentenzi se c'è stata o meno una violazione della privacy oppure una diffamazione. Per questo motivo Confindustria Radio-Tv, ascoltata in audizione il 4 dicembre, ha depositato in commissione Giustizia una proposta per sopprimere la norma sul diritto all'oblio. Nel documento si legge infatti: "Per chi fa informazione giornalistica avvalendosi di internet questa norma può rappresentare una forte limitazione al proprio diritto di espressione in generale ed in specie con riguardo ai diritti di archivio giornalistico, riconosciuti come specifica espressione della libertà di manifestazione del pensiero anche della giurisprudenza europea".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: