le notizie che fanno testo, dal 2010

NATO: internet è terreno di guerra, contro cyber attacco useremo bombe convenzionali

La NATO annuncia che internet verrà considerata una zona di guerra operativa, al pari di aria, terra, mare e Spazio. La NATO però non ha intenzione di rispondere ad un cyber attacco in maniera virtuale ma con armi convenzionali, cioè la classica bomba (nucleare?).

Hillary Clinton l'ha promesso che con lei alla Casa Bianca ci sarà un giro di vite sull'hacking. A quanto pare però non c'è bisogno di attendere le elezioni presidenziali USA per capire quali nuove misure verranno adottare contro gli hacker. La NATO infatti ha annunciato che potrebbe rispondere a una potente cyber attacco con armi convenzionali, che sono tutto fuorché virtuali. Paradossalmente invece la NATO assicura che non utilizzerà cyber attacchi in maniera offensiva, meglio la classica bomba (nucleare?).

In una intervista al tedesco Bild, il segretario generale dell'Organizzazione nord atlantica Jens Stoltenberg ha infatti chiarito che la NATO considera internet un dominio di guerra, al pari di aria, Terra, mare e Spazio. I membri della NATO quindi hanno deciso di considerare gli attacchi informatici come qualsiasi altra minaccia.

Stoltenberg anticipa quindi che l'ufficialità di dichiarare il cyberspazio una zona di guerra operativa avverà probabilmente durante il vertice di Varsavia, che si terrà nella capitale polacca l'8-9 luglio. Già nel 2011 Washington aveva precisato che equiparava gli attacchi digitali a quelli nel mondo reale.

Intanto, la Russia prepara le prime contromisure. Intervistato da RT, il ministro delle Comunicazioni russo Nikolay Nikiforov sottolinea infatti che attualmente "un solo Paese (indovina quale?, ndr) e una manciata di multinazionali hanno praticamente monopolizzato l'intero sistema dell'information technology". E poiché ad un eventuale attacco con "armi convenzionali" è già preparata a rispondere, la Russia si sta concentrando ad attuare "soluzioni tecniche che per proteggere segmenti nazionali di internet da una possibile azione distruttiva esterna".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: