le notizie che fanno testo, dal 2010

CERN: 20 anni fa nasceva il World Wide Web. Online il primo sito WWW

Il CERN celebra l'anniversario del World Wide Web, rimettendo online il primo sito. Venti anni fa il CERN rendeva pubblica la tecnologia alla base del W3, inizialmente utilizzato solo dalla comunità scientifica ed inventato da Tim Berners-Lee nel 1989.

Il 30 aprile 1993 il CERN metteva online il primo sito che rendeva pubblica la tecnologia alla base World Wide Web (www) inventato dall'informatico britannico Tim Berners-Lee nel 1989. Tecnologia che il CERN ha reso royalty free, favorendo la fioritura del web come lo conosciamo oggi. Il World Wide Web originariamente fu concepito e sviluppato per soddisfare la condivisione di informazioni tra i fisici di università e gli istituti di tutto il mondo. Dopo la pubblicazione della prima homepage da parte del CERN, venti anni fa appunto, che spiegava il funzionamento di questo servizio internet, chiunque invece ha avuto la possibilità di diventare non solo editore, ma parte attiva nella diffusione del sapere. Il World Wide Web, infatti, "ha le potenzialità per svilupparsi in un'enciclopedia universale che copra tutti i campi della conoscenza e in una biblioteca completa di corsi per la formazione" sottolinea Richard Stallman, creatore del progetto GNU. Prima del World Wide Web, infatti, esistevano altri sistemi di information retrieval come WAIS e Gopher, ma la semplicità del web ha portato alla sua rapida diffusione. Berners-Lee ha infatti usato internet per creare un sistema di rete ipertestuale che ha permesso i fisici del CERN di leggere e pubblicare documenti, e di creare collegamenti tra e all'interno degli stessi. Rolf Heuer, direttore generale del CERN, evidenzia come "non ci sia stato settore della società che non è stato trasformato dalla invenzione del web, nata in un laboratorio di fisica".

Il primo sito al CERN è stato ospitato su un computer NeXT ("The Cube"), con il quale Tim Berners-Lee ha utilizzato il sistema operativo NeXTSTEP per sviluppare rapidamente un server prototipo funzionante ed un browser. Inizialmente, il browser originale era stato chiamato "WorldWideWeb", poi ribattezzato Nexus per evitare confusioni. Tim Berners-Lee pensò alla creazione di un software il meno sofisticato possibile, e per questo il browser fu progettato per funzionare digitando semplicemente dei comandi. Non c'era mouse e non c'era grafica, ma permetteva a chiunque avesse una connessione internet di accedere al web. Il 30 aprile 1993 il CERN ha pubblicato il codice sorgente del World Wide Web rendendolo disponibile su base royalty free. Il sito descrive le caratteristiche di base del web, come accedere ai documenti di altre persone e come impostare il proprio server. Descrive, perché il CERN, per celebrare i 20 anni del World Wide Web, ha rimesso online (anche se su un altro server) il primo sito pubblicato, ed ha avviato un progetto per ripristinare e preservare tutte le risorse digitali contenute, tra cui documentazioni e nomi e indirizzi IP originali. L'obiettivo del progetto del CERN è quindi quello di rendere il primo primo indirizzo web http://info.cern.ch un sito in grado di trasmettere alle generazioni future la memoria storica del World Wide Web. Alla fine del 1993 furono creati circa 500 server web, e il www incideva per l'1% sul traffico internet. Venti anni dopo, ci sono circa 630 milioni di siti online.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: