le notizie che fanno testo, dal 2010

NSA "spierà" il web? Arriva la smentita, in parte: "Non negli USA"

Dopo le rivelazioni di Wired, il direttore dell'NSA Keith Alexander ha risposto riguardo le "accuse" di monitoraggio di tutte le comunicazioni via web. Alexander ha spiegato che l'NSA non ha la facoltà di intercettare le comunicazioni (specificatamente negli Stati Uniti) ma non ha smentito la costruzione dell'enorme Data Center nello Utah.

Come prevedibile, il reportage di Wired di qualche giorno fa (http://is.gd/tULFAL) ha causato molte polemiche. L'articolo rivelava le informazioni riguardo la costruzione di un enorme centro dati (data center) negli Stati Uniti da parte della National Security Agency (NSA), il quale avrebbe lo scopo di contribuire a intercettare e memorizzare i dati privati di comunicazioni wireless e di internet per milioni di persone di tutto il mondo. Si è spiegato che questa struttura dovrebbe essere ultimata entro il 2013 e dovrebbe occupare circa un milione di metri quadrati nello Stato dello Utah, consumando tanta energia elettrica quanto quella di una città.
L'NSA RISPONDE: "NON ABBIAMO LA FACOLTA' DI INTERCETTARE COMUNICAZIONI, NON NEGLI STATI UNITI" Il primo a rispondere alle polemiche è stato il direttore della NSA, il generale Keith Alexander, al quale il quotidiano Forbes (http://is.gd/kr5jlu) ha chiesto cosa ci fosse di vero nel reportage di James Bamford. La prima risposta è stata che l'NSA non intende intercettare le comunicazioni, che siano telefonate, messaggi di testo (SMS), informazioni finanziarie, shopping online o ricerche su Google. Tuttavia, nell'intervista non è stata negata la costruzione del data center. E' interessante notare come tutte le risposte seguenti si riferivano specificatamente alle pratiche che riguardano i cittadini americani, senza dare dettagli sul modo di agire da parte dell'NSA nelle altre parti del mondo. In merito alle intercettazioni di e-mail, per esempio, Alexander precisa: "La domanda è: dove sono le e-mail e dove è la copertura della NSA. Suppongo dalla tua domanda che le e-mail si trovano negli Stati Uniti". Per questo motivo, Alexander ha chiarito che la NSA non è autorizzata a intercettare negli USA, spiegando che non avrebbe l'attrezzatura necessaria per raccogliere questo tipo di informazioni. In pratica alla NSA servirebbe un mandato dell'FBI, ma sembra di capire solo per quanto riguarda il territorio degli Stati Uniti.
Nonostante le rassicurazioni dell'NSA le prove pubblicate da Wired non sembrano comunque perdere di significato, e sono ancora molti i dubbi che attenti osservatori hanno in merito a questo data center progettato nello Utah.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: