le notizie che fanno testo, dal 2010

Insonnia: chi dorme poco rischia di non svegliarsi più

Chi soffre di insonnia potrebbe incorrere ad una morte prematura, o almeno passare a miglior vita prima di chi dorme come un ghiro. Da una ricerca americana il monito.

Chi soffre di insonnia e si rigira nel letto, oppure sta la notte con gli occhi sbarrati a guardare la TV magari senza sonoro, rischia la salute (non solo mentale), per non dire il pericolo di riposare in pace, per sempre. Da una ricerca guidata da Alexandros Vgontzas professore di psichiatria della Penn State College of Medicine (USA) pare che gli uomini che soffrono di insonnia abbiano quattro volte in più la possibilità di morire rispetto agli uomini che dormono. Le donne sembrano stavolta immuni dai pericoli delle notti in bianco.
La scioccante ricerca (guardatevi intorno la notte, vedete quante luci accese?) ha monitorato un migliaio di uomini e donne intorno ai 50 anni, seguiti per dieci anni le donne e 14 anni gli uomini. Tra i soggetti che durante lo studio sono deceduti, gli uomini che soffrivano di insonnia e dormivano meno di sei ore hanno raggiunto il tasso di mortalità del 51 per cento. La ricerca è stata pubblicata dalla rivista "Sleep", dormire in inglese, naturalmente.
Alcuni dottori partenopei potrebbero obbiettare che la ricerca è imprecisa visto che chi dorme meno di sei ore a notte forse passa a miglior vita per tutti i problemi che lo facevano rigirare nel letto.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# donne# insonnia# ricerca# TV