le notizie che fanno testo, dal 2010

Tirreno Power Vado Ligure: gip autorizza sequestro centrale a carbone

La procura di Savona ha chiesto ed ottenuto il sequestro della centrale a carbone Tirreno Power di Vado Ligure. Dopo il via libera del gip, sarebbero già iniziate le operazioni di spegnimento dei due gruppi a carbone che alimentano la centrale Tirreno Power di Vado Ligure.

La procura di Savona ha chiesto ed ottenuto il sequestro della centrale a carbone Tirreno Power di Vado Ligure. A fine febbraio, gli esperti ai quali il procuratore capo di Savona aveva affidato la perizia epidemiologica ambientale sulla centrale termoelettrica Tirreno Power di Vado Ligure, erano giunti alla conclusione che "in dieci anni l' inquinamento della centrale a carbone ha provocato 440 decessi e 1700 ricoveri per un costo sociale per lo Stato che oscilla tra i 770 e gli 860 milioni". Perizia che i vertici ed i legali di Tirreno Power (tra i suoi soci anche Sorgenia) hanno contestato. I carabinieri del Noe hanno oggi notificato ai dirigenti della Tirreno Power di Vado Ligure il sequestro, e sono già iniziate le operazioni di spegnimento dei due gruppi a carbone che alimentano la centrale. Stando alle prime indiscrezioni, il giudice per le indagini preliminari avrebbe accolto la richiesta di sequestro perché in seguito alle verifiche che sono state effettuate dai consulenti del Ministero dell'Ambiente e della Procura sarebbe emerso il mancato rispetto di alcuni limiti imposti dall'Autorizzazione integrata ambientale (Aia), oltre al fatto che non sarebbe stato realizzato il "sistema di monitoraggio a camino". Il gip precisa nell'ordinanza che la centrale Tirreno Power di Vado Ligure potyrà tornare in funzione quando sarà in regola con questi parametri.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: