le notizie che fanno testo, dal 2010

Reggio Emilia: donna incinta investita sulle strisce. Asaps: non è colpa del maltempo

Ennesimo incidente stradale mortale. Una donna di 36 anni incinta al quinto mese di gravidanza è stata travolta questa mattina mentre attraversava sulle strisce pedonali a Cade', alla periferia di Reggio Emilia. L'autista sosterrebbe non non aver visto la donna, forse anche a acausa del boio e della pioggia. l'Asaps replica: "Le situazioni di maltempo e il buio aumentano la quota del rischio, ma devono anche obbligarci ad usare ancora più prudenza".

Ennesimo incidente stradale mortale. Questa volta a perdere la vita sono in due, una mamma e il figlio non ancora nato. Una donna di 36 anni incinta al quinto mese di gravidanza è stata infatti travolta questa mattina mentre attraversava sulle strisce pedonali a Cade', alla periferia di Reggio Emilia. Nonostante i soccorsi immediati, la donna è deceduta sul posto. I medici del pronto soccorso hanno tentato di salvare almeno il bambino con un parto cesareo, ma purtroppo il piccolo era ormai morto. L'autista dell'auto avrebbe dichiarato di aver investito la donna perché non l'ha vista attraversare la strada. Toccherà alla Polizia Municipale reggiana accertare le dinamiche dell'incidente stradale. Come riportano alcune agenzie stampe, ci sarebbe forse anche "il buio e la pioggia" tra le cause all'origine dell'incidente mortale. Non condivide queste "scusanti" però l'Asaps che in una nora commenta: "Un'altra assurda tragedia che si porta via una mamma e il suo bimbo. Non è bastato che la giovane mamma fosse sulle strisce!! Colpa del maltempo? Della pioggia del buio come dice l’articolo?? No la colpa è sempre dell’uomo. La colpa è dei nostri comportamenti inadeguati. Dobbiamo convincerci. Poi - certo - le situazioni di maltempo e il buio aumentano la quota del rischio, ma devono anche obbligarci ad usare ancora più prudenza. Quella mamma pensava di essere sicura sulle strisce. Altri 564 pedoni sono stati travolti e uccisi (e 20.752 feriti) nel 2012 sulle strade e un terzo erano sulle strisce pensando di essere al sicuro. - concludendo - No in Italia non lo si deve mai pensare. Le strisce sono sempre sporche".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: