le notizie che fanno testo, dal 2010

Incendi boschivi 2013: arrestato piromane di Stingone. Video

Il Corpo Forestale dello Stato ha arrestato il presunto incendiario del rogo divampato in località Stingone, in provincia di Isernia. L'uomo, un cinquantenne residente nella zona di Pozzilli, sarebbe un ausiliario dei vigili del fuoco, ed è stato incastrato dalle telecamere installate nella zona, più volte interessata dalle fiamme negli ultimi anni.

Gli uomini del Comando Stazione Forestale di Venafro e dal personale del Nucleo Investigativo Antincendio Boschivo (Niab) hanno arrestato il presunto incendiario del rogo divampato in località Stingone, in provincia di Isernia. L'indagine che ha portato all'arresto dell'uomo, un cinquantenne residente nella zona di Pozzilli, è durata circa un mese, e decisive sono state le telecamere installate in località Monte Stingone, visto che la zona in questione era stata più volte interessata dalle fiamme negli ultimi anni. Nel video, infatti, viene immortalata una Fiat bianca con a bordo un uomo che, dopo essersi accostato al guardrail, lancia dal finestrino della propria auto un ordigno incendiario in una zona cespugliata. Per fortuna, dopo pochi minuti giunge un'altra auto con a bordo tre uomini che allertano la Guardia Forestale e tentano di spegnere l' incendio con delle bottiglie d'acqua. Il piromane, attualmente agli arresti domiciliari per incendio boschivo doloso, sarebbe un ausiliario dei vigili del fuoco di Isernia, come riporta l'Ansa. "Gli incendi sono attentati al nostro patrimonio" ricorda il procuratore di Isernia, Paolo Albano, che ha coordinato l'indagine, sottolineando che il video dove si vede l'uomo appiccare l'incendio è stato "diffuso perché accanto a una negatività, il piromane, c'è una positività" e cioè il "momento successivo all'innesco dell'incendio, quando da quelle parti passa un'auto che si ferma e gli occupanti scendono per spegnere le fiamme. E' un messaggio positivo che va veicolato".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: