le notizie che fanno testo, dal 2010

Incendi: Italia in fiamme, "picco" per Flotta Aerea dello Stato

Gli incendi divampano in questi ultimi scampoli d'agosto. Sabato sono stati 58 in tutta Italia, la cui gravità ha favorito il "picco di richieste di intervento per la Flotta Aerea dello Stato" come scrive la Protezione Civile. Una tragedia per l'ambiente e per il già fragile ecosistema nazionale.

Il nostro ambiente ogni anno continua ad andare in fumo. Centinaia di ettari di boschi e macchia mediterranea continuano ad essere ridotti in cenere per colpa, nella maggior parte dei casi, di piromani senza scrupoli che hanno dimenticato, insieme agli interessi che li muovono, la bellezza del creato e dell'aria pulita. In realtà non si dovrebbe neppure parlare di "piromani" ma di "criminali del fuoco" dato che la "piromania" intesa come malattia "è un disordine alquanto raro, con un'incidenza inferiore all'1% nella maggior parte degli studi; i piromaniaci sono una quantità veramente ridotta in proporzione alla totalità dei ricoveri ospedalieri" (come si legge su Wikipedia http://is.gd/9URrfm). Sabato 27 agosto c'è stato il "picco di richieste di intervento per la Flotta Aerea dello Stato", chiamata a fronteggiare, a supporto delle squadre di terra, i 58 incendi boschivi del territorio nazionale, come scrive la sala stampa Protezione Civile. I termini usati da chi è in trincea a combattere le fiamme, fanno fatica a discostarsi da quelli del "dizionario militare", dato che, quella contro il fuoco, sta ormai diventando una vera e propria guerra. E come sempre in guerra tutti perdono, e il guadagno non è che la disperazione e la desolazione. Scrive la Protezione Civile: "Il maggior numero di richieste di intervento è arrivato dalle due isole maggiori: 12 i roghi in Sardegna e 9 in Sicilia, mentre 7 sono le schede arrivate dalla Campania e dalla Calabria. Cinque rispettivamente quelle inviate da Lazio, Abruzzo e Puglia, 4 dalla Basilicata, due dalle Marche e una per ciascuno da Toscana e Umbria", ricordando che "la maggior parte degli incendi boschivi è causata da mano umana, a causa di comportamenti superficiali o, spesso purtroppo, dolosi e che la collaborazione dei cittadini può essere decisiva nel segnalare tempestivamente ai numeri di telefono d'emergenza 1515 o 115 anche le prime avvisaglie di un possibile incendio boschivo".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: