le notizie che fanno testo, dal 2010

Olimpiadi Londra 2012: in Parlamento il caso del velocista Haliti

Eusebio Haliti, 19 anni, ha ottenuto "cinque titoli italiani" ma "non potrà indossare la tanto desiderata maglia azzurra alle prossime Olimpiadi" perché albanese. E così il PD chiede al Parlamento, e al CONI, di rivedere le regole sulla cittadinanza.

Eusebio Haliti, 19 anni, ha ottenuto "cinque titoli italiani, tre nei 400m piani (2010 all'aperto, 2008 e 2010 indoor) e due nei 400m ostacoli (2007 e 2008), un personale di 51"60 negli ostacoli, stabilito nel 2009 a Pavia, di 47"00 nei 400m piani (Ginevra, 2010) e 47"73 indoor (Ancona, 2011)" come ricorda Francesco Boccia (PD) ma essendo nato in Albania, e non potendo dimostrare di vivere legalmente in Italia da almeno 10 anni, "non potrà indossare la tanto desiderata maglia azzurra alle prossime Olimpiadi" anche se per i Giochi di Londra 2012 sarebbe "decisamente qualificato". E così Francesco Boccia ha presentao un'interpellanza urgente alla presidenza del consiglio e al ministro dell'Interno per cercare non solo di risolvere tale problema, che rischia di discriminare l'atleta, ma anche per cercare di far rivedere le "vecchie regole sulla cittadinanza". "Nel caso di Eusebio Halili" aggiunge ancora Boccia, il deputato chiede inoltre "un intervento presso il Coni e le Federazioni sportive affinché modifichino e rendano più flessibili ed equi i loro regolamenti in materia", visto che il Comitato Olimpico Nazionale Italiano attua delle "strettoie" per cercare di "tutelare i vivai nostrani" ma che di fatto spesso impedisce gli stranieri "di integrarsi veramente", anche perché, conclude il deputato del PD, per tali direttive "i ragazzi di seconda generazione sono stranieri a tutti gli effetti e la loro presenza deve essere limitata".
</editing>

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: