le notizie che fanno testo, dal 2010

Migranti: don Zerai indagato per favoreggiamento immigrazione clandestina

La Procura di Trapani ha inviato un avviso di garanzia a don Mussie Zerai, sacerdote eritreo che offre assistenza telefonica ai migranti in partenza. Sarebbe indagato di favoreggiamento all'immigrazione clandestina.

Indagato dalla Procura di Trapani nell'ambito dell'inchiesta per favoreggiamento all'immigrazione clandestina anche don Mussie Zerai, sacerdote eritreo che vive in Italia. Secondo quanto ricostruito dalla Procura, la stessa che ha sequestrato la nave Iuventa della Ong tedesca Jugend Rettet, due addetti della security imbarcati a bordo della nave Vos Hestia di Save the Children avrebbero scoperto una sorta di chat segreta tra il sacerdote ed i trafficanti di uomini. Stando a tali testimonianze, don Mussie Zerai, candidato nel 2015 per il Premio Nobel della Pace, avrebbe segnalato alla Ong giorno, ora e posizione delle imbarcazioni da soccorrere.
Don Mussie Zerai è il fondatore dell'agenzia di informazione Habeshia, con la quale offre assistenza telefonica ai migranti in partenza. "In passato ricevevo moltissime telefonate ogni giorno. Oggi ne ricevo molte meno ma il mio intervento è sempre stato a scopo umanitario" assicura il sacerdote, commentando la sua iscrizione nel registro degli indagati. Don Mussie Zerai precisa quindi di non frequentare alcuna "chat segreta" e di aver invece sempre comunicato attraverso il suo telefono cellulare. Don Zerai aggiunge quindi che è in corso "una vera e propria campagna denigratoria nei miei confronti e di quanti collaborano con me nel programma umanitario in favore di profughi e migranti".

© riproduzione riservata | online: | update: 09/08/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Migranti: don Zerai indagato per favoreggiamento immigrazione clandestina
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI