le notizie che fanno testo, dal 2010

iPhone "low cost" e "riciclato". Apple lavora a telefono "green"?

I rumors vogliono che Apple stia valutando l'ipotesi di un iPhone "low cost". Economico e a basso costo il "nuovo" iPhone potrebbe essere costruito con policarbonato al posto dell'alluminio della scocca e con "pezzi" di iPhone più vecchi. Un iPhone green?

Apple starebbe lavorando ad un nuovo iPhone, o almeno ad un iPhone "depotenziato", quantomeno nel prezzo, se non nelle prestazioni. Questa in sintesi l'indiscrezione del Wall street Journal che la società di Cupertino non ha voluto commentare. L'ipotesi di un iPhone economico è nell'aria da diversi anni, anche se Steve Jobs l'ha sempre aborrita, così come il "mini iPad" da 7 pollici. Il cofondatore di Apple era infatti convinto che la gente dovesse "spendere" per avere un prodotto Apple allo stato dell'arte della tecnologia, e che l'azionista dovesse di conseguenza sorridere per gli alti margini ricavati dal prodotto. Ma da quando Steve Jobs non c'è più, il nuovo CEO Tim Cook non sembra dello stesso avviso, e cerca di affrontare la concorrenza asiatica non più con colpi di teatro tecnologici, ma con una declinazione verso una fascia consumer che cerca prodotti "griffati" ma a (relativo) basso costo. Ed ecco, in quest'ottica di iPhone for the masses (non tutti i Paesi sono monoliticamente fedeli ad un marchio come gli italiani) spuntare il progetto di "iPhone low-cost" (in realtà "Low-Priced iPhone"), anche se il progetto sarebbe ancora troppo in embrione per potersi dare un nome ed un numero progressivo (non sarà l'iPhone 6, pare).

Il WSJ racconta che i suoi informatori parlano di un iPhone "meno caro" che assomiglierebbe al suo fratello costoso ma con delle differenze essenziali. Ad esempio la scocca, il "corpo" dell'iPhone, passerebbe dal nobile alluminio al senz'altro più "plebeo" policarbonato. Ma la sorpresa potrebbe risiedere anche all'interno dell'iPhone low-cost dato che "molte altre parti - si legge dal WSJ - potrebbero rimanere le stesse o essere riciclate da modelli di iPhone più vecchi". Questo "riciclo" non si comprende bene se però sia "progettuale" o "materiale", nel senso che parti di vecchi iPhone usati potrebbero essere "cannibalizzati" per costruire l'iPhone economico. In quest'ultimo caso l'iPhone "riciclato", quindi un iPhone "green", potrebbe far piacere agli ambientalisti francesi che hanno accusato Apple di obsolescenza programmata per l'ultimo iPhone 5. Naturalmente il Wall Street Journal sottolinea che non c'è niente di sicuro e che Apple potrebbe accantonare il progetto (se mai questo progetto esistesse, trattandosi di un'indiscrezione), ma quel che è certo è che, a parte negli Stati Uniti, Apple soffre della concorrenza di Android e Samsung. Se infatti l'iPhone è la prima "entrata" della gloriosa azienda che prometteva che "il 1984 non sarebbe stato come 1984", anche gli analisti più dolci verso Apple, osservano che se Tim Cook non si inventerà qualcosa "alla Steve Jobs" il futuro, per l'azienda di Cupertino, potrebbe essere meno "patinato" del glorioso passato.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: