le notizie che fanno testo, dal 2010

iPhone 5: Apple chiede scusa per Mappe. Tim Cook: usate Google e Nokia

Se Apple Mappe doveva essere la "killer application" di iOS 6 e del nuovo iPhone 5 "allungato" ha fallito miseramente nel suo scopo. Tim Cook scrive ai clienti consigliando, nel frattempo che Mappe "sarà all'altezza", di usare le "mappe online di Google e Nokia". Come avrebbe reagito Steve Jobs?

Steve Jobs era un perfezionista e metteva il naso in ogni processo della filiera produttiva. Per "vendere il ghiaccio agli eschimesi" come qualcuno simpaticamente l'accusava, il cubetto d'acqua, magari colorata con un pizzico di sciroppo alla menta, doveva essere perfetto, e questo il guru di Cupertino lo sapeva benissimo. La "lezione" forse è stata dimenticata dal nuovo CEO di Apple Tim Cook proprio come nella parodia che lo vede di nuovo insieme a Steve Jobs (redivivo) per la presentazione di iPhone 5 . Apple senza il suo "formidabile essere umano" sembra essere caduta in quelle "imprecisioni" che, in un marchio lucido come il suo, paiono come graffi di un chiodo. A parte la sostanziale "non novità" dell'iPhone 5, salvato nelle vendite, per alcuni osservatori, dal consueto "rito dell'obsolescenza programmata", Apple ha fallito in quella che doveva essere la "killer application" di iPhone 5 e iOS 6, ovvero l'app Mappe.

Descrive Mappe, mostrando impietose foto la gallery de "La Repubblica": "Chi ha aggiornato il proprio iPhone con il nuovo iOS6 avrà già potuto constatarlo in proprio: le nuove mappe Apple - con vista dall'alto in 3D - che hanno sostituito le Maps di Google contengono degli errori di visualizzazione evidenti. Date un'occhiata a come la società di Cupertino ha "ricostruito" Piazza Venezia o Piazza del Popolo a Roma. I palazzi sono allungati e hanno un aspetto spettrale, le macchine sembrano essersi sciolte nell'asfalto e tutt'intorno sembra non esserci vita. (...) E così Buckingham Palace, ad esempio, assomiglia a una dimora degli zombie. Mentre a New York il ponte di Brooklyn risulta totalmente liquefatto".

E così "epic fail" di Apple o l'"apocalisse" che ha colpito le più importanti città del mondo, come qualcuno in rete ha iniziato a definire Apple Mappe, è incominciato a diventare un problema serio per Cupertino. Per questo Tim Cook ha preso carta e penna (o dito e iPad) ed ha scritto una lettera ai clienti che pare uscita da una multinazionale giapponese. Anche se gli "inchini" di scusa da parte di Cook non paiono ben oliati come si usa in Giappone. Il titolo della lettera è "Una lettera ai nostri clienti a proposito di Mappe".
Ecco il testo della lettera con, in neretto (nostro), i punti emblematici e "nipponizzanti": Ai nostri clienti. Apple si impegna sempre al massimo per creare prodotti di altissimo livello e per offrire a chi li usa la migliore esperienza possibile. La scorsa settimana, con il lancio della nuova app Mappe, non siamo stati all'altezza di questo impegno. Siamo estremamente dispiaciuti di aver deluso i nostri clienti e stiamo facendo tutto il possibile per migliorare Mappe. L'app Mappe è stata lanciata già con la prima versione di iOS. Con il passare del tempo, abbiamo voluto dare ai nostri clienti un prodotto ancora più utile, con funzioni come il navigatore, i comandi vocali, Flyover e le mappe vettoriali. Per farlo abbiamo dovuto creare una nuova versione di Mappe ripartendo da zero.
Sono già oltre 100 milioni i dispositivi iOS che utilizzano le nuove Mappe di Apple, e il numero cresce di giorno in giorno: in poco più di una settimana, gli utenti hanno già cercato con la nuova app quasi mezzo miliardo di luoghi. Più i nostri clienti useranno Mappe, più l'app diventerà accurata e affidabile. Per questo riceviamo con piacere tutte le vostre segnalazioni e opinioni. Mentre ci occupiamo di migliorare Mappe, potete provare soluzioni alternative scegliendo tra le app disponibili sull'App Store, o usando le mappe online di Google e Nokia: il modo più semplice per farlo è aprire i loro siti web e aggiungere un'icona per accedervi direttamente dalla schermata Home.
In Apple, tutto quel che facciamo ha un solo obiettivo: creare i migliori prodotti al mondo. Sappiamo che vi aspettate proprio questo da noi
, e lavoreremo senza sosta finché Mappe non sarà all'altezza dei nostri elevatissimi standard. Tim Cook CEO di Apple.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: