le notizie che fanno testo, dal 2010

iPad: chiude The Daily di Murdoch. Quando lo squalo prende un granchio

Il giornale "solo per iPad" creato, pensato e "tagliato" solo per la "ricca" utenza di Apple, chiuderà il 15 dicembre con un numero d'addio. Non sono bastati i 100mila abbonamenti annui, ne servivano almeno 500mila. Quando lo squalo prende un granchio.

The Daily il primo giornale "solo per iPad" chiuderà il 15 dicembre. Le premesse di "marketing orwelliano" erano perfette: un giornale "leggibile" solo su un tipo di hardware e unicamente con un tipo di sistema operativo. In soldoni, se The Daily avesse "attecchito" si sarebbe aperto il trend dell'informazione "di qualità" (come prometteva l'editore) solamente per chi si sarebbe potuto permettere un costoso device come il tablet di Apple. Eppure ciò che doveva essere il gioiello di News Corp di Rupert Murdoch si è trasformato un clamoroso errore di valutazione, già previsto in effetti da alcuni analisti di scenario . In effetti il target che acquista in massa prodotti "feticcio" come gli iPad non può certo accostarsi a quello del lettore vorace e culturalmente voglioso di approfondimento e news di qualità. Probabilmente Rupert Murdoch da vecchio "squalo", che forse non ci vede più molto bene, si è fatto ingannare dal tipico look di alcuni utenti "fashion" dei tablet Apple, che portano sovente gli occhiali grandi (con lenti finte), la barbetta da contestatore (ma con il corpo completamente depilato), dentro il borsello (purtroppo è tornato anche lui) l'iPhone, e sulla mano destra l'iPad (ultimo modello) d'ordinanza. Il look però non fa l'intellettuale, anzi, spesso, definisce l'"analfabeta funzionale". The Daily chiuderà, per stessa ammissione di Murdoch, perché "la nostra esperienza ci dice che non siamo stati in grado di trovare abbastanza lettori tanto da convincerci che il modello di business potesse funzionare in tempi abbastanza rapidi".

In altre parole, una "delusione": The Daily ha raccolto circa 100mila abbonati (a detta dell'editore), con un'aspettativa di almeno 500mila abbonati l'anno perché l'operazione, finanziariamente, si reggesse da sola. Murdoch promette che prenderà "il meglio che ha imparato dal The Daily per applicarlo a tutte le proprietà" editoriali, si intende. Non pare che l'abbonamento annuale pari a 39.99 dollari venga "parzialmente" restituito per i numeri che non usciranno. Gli abbonati pare che potranno ancora usufruire dell'archivio del giornale, e l'app di The Daily rimarrà per ora, a quanto pare, disponibile ancora su iTunes. Senz'altro il patrimonio "social" del The Daily, Rupert Murdoch non ha intenzione di disperderlo, anzi, come sostiene qualcuno, vorrebbe "spalmarlo" sui prodotti "classici" del gruppo. Sibilline le parole in una email allo staff di Jesse Angelo, wunderkind di News Corp e redattore capo di The Daily: "La nostra app per iPad cesserà le pubblicazioni il 15 Dicembre con un numero d'addio. The Daily ha una presenza forte sui social media e una larga comunità di appassionati su cui intendiamo continuare ad esercitare la nostra influenza con il nostro stile unico di fare notizia".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: