le notizie che fanno testo, dal 2010

Avellino: sorpreso con mezzo quintale di hashish in doppio fondo pick-up

"Credeva che quel vano potesse consentirgli di sottrarsi alle proprie responsabilità, ma non aveva fatto i conti con l'infallibile fiuto di Pirat, un pastore tedesco in forza alle unità cinofile del Nucleo Carabinieri di Sarno", riferiscono in una nota i militi.

"Credeva che quel vano potesse consentirgli di sottrarsi alle proprie responsabilità, ma non aveva fatto i conti con l'infallibile fiuto di Pirat, un pastore tedesco in forza alle unità cinofile del Nucleo Carabinieri di Sarno. È così i militari della Compagnia di Avellino, che hanno operato congiuntamente ed in piena sinergia con i colleghi del Nucleo Investigativo, hanno tratto in arresto un 35enne di Calvizzano (Napoli), ritenuto responsabile di detenzione di sostanza stupefacente, aggravata dall'ingente quantitativo" viene illustrato in una nota dell'Arma.
"L'uomo, fermato dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Avellino durante un ordinario controllo alla circolazione stradale, mentre era alla guida di un pick-up Fiat Strada nei pressi del casello autostradale di Avellino Ovest, si è subito mostrato immotivatamente agitato e insofferente nei confronti dei militari cercando, nel contempo, di celare tale nervosismo e di convincere il personale operante con lusinghieri parole di bravo ed onesto operaio di un vivaio" proseguono i militi.
"Ma i Carabinieri - si specifica -, anche alla luce di un primo controllo che aveva evidenziato la mancanza della copertura assicurativa, non credendo alle 'preghiere' dell'uomo e visto lo stato emotivo, decidevano di procedere ad un più accurato controllo all'interno del Comando Provinciale. E qui il colpo di scena: Pirat, il pastore tedesco già utilizzato precedentemente in città, già protagonista di eccellenti operazioni antidroga all'ingresso in caserma del veicolo fermato, ha cominciato ad abbaiare con forza, strattonando il suo conduttore e puntando il muso nella parte sottostante al cassone, suscitando quindi ulteriori perplessità e dubbi nei militari che quel mezzo celasse qualche segreto potenzialmente sospetto."
Si illustra infine: "Così i militari hanno scoperto che il veicolo presentava, proprio sotto al cassone, un doppio fondo artigianalmente ricavato ed abilmente occultato, al cui interno erano stati riposti 5 pacchi contenenti complessivamente 51 chilogrammi di hashish suddivisi in panetti da 100 grammi cadauno, per un totale di 510 panetti. Il 35enne, le cui responsabilità venivano definitivamente sancite dalle analisi tossicologiche eseguite dai Carabinieri del Laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti è stato così dichiarato in arresto e, dopo le formalità di rito espletate nel Comando Provinciale Carabinieri, condotto presso la Casa Circondariale di Bellizzi Irpino a disposizione della Procura della Repubblica di Avellino. Gli accertamenti tecnici e qualitativi permettevano altresì di quantificare il numero di dosi medie ricavabili dalla sostanza in circa 300mila dosi, per un valore commerciale al dettaglio sulla piazza avellinese calcolato tra gli 800mila ed il milione e mezzo di euro."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: