le notizie che fanno testo, dal 2010

Hacker entrano in Home Depot e rubano 56 milioni di carte di credito

Degli hacker sono penetrati nella rete di computer di Home Depot, venditore al dettaglio statunitense di prodotti per migliorare, costruire e manutenere le abitazioni, rubando le informazioni di 56 milioni di carte di credito e di debito e 53 milioni di indirizzi e-mail.

Hacker in Home Depot, il venditore al dettaglio statunitense di prodotti per migliorare, costruire e manutenere le abitazioni che gestisce 2.164 Superstore distribuiti negli Stati Uniti, Canada, Messico e Cina. Come riporta la multinazionale, gli hacker hanno rubato le credenziali di accesso di un fornitore e sono penetrati nella rete di computer di Home Depot, dove hanno installato dei malware che hanno sottratto i dati delle carte di credito dei clienti e i loro indirizzi di posta elettronica. L'individuazione del malware era avvenuta già a settembre, ma ora emerge l'ammontare dell'enorme numero di dati rubati. Gli hacker avrebbero infatti raccolto le informazioni di 56 milioni di carte di credito e di debito negli Stati Uniti e in Canada e, stando a quanto emerso oggi, sottratto anche 53 milioni di indirizzi e-mail. Home Depot assicura però che, almeno, gli indirizzi di posta elettronica non contenevano le password, i dati della carta di pagamento o altre informazioni personali sensibili. La violazione informatica è costata all'azienda circa 62 milioni di dollari. Per scusarsi in maniera tangibile, Home Depot ha regalato un buono da 50 dollari da spendere nei negozi dell'azienda a tutti i clienti rimasti vittime dell'hackeraggio. Stando alle prime indiscrezioni, sembra che parte del codice malware sia stato scritto in russo, ma questo vorrebbe dire che nel programma sarebbero stati trovati dei "commenti" scritti dall'hacker.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: