le notizie che fanno testo, dal 2010

Anonymous colpisce i siti di Fabrizio Corona e Costantino Vitagliano

I siti di Fabrizio Corona e Costantino Vitagliano sono stati presi di mira da una crew Anonymous, "4lulz", per l'operazione "opmanning". I due siti presentano ormai da giorni gli appelli alla solidarietà per Bradley Manning, la "gola profonda" di WikiLeaks.

I siti di Fabrizio Corona e Costantino Vitagliano sono stati attaccati da un gruppo di attivisti informatici appartenenti alla galassia di Anonymous (in questo caso pare "4lulz"). Parte dei contenuti dei siti web di queste due icone dell'Italia del terzo millennio sono stati sostituiti da video e slide-show che ricordano la situazione drammatica del soldato Bradley Manning, attualmente sotto processo negli USA (leggi "Bradley Manning: inizia il processo alla "fonte" di WikiLeaks" http://is.gd/9suG3w). Bradley Manning sarebbe infatti la "gola profonda" di WikiLeaks e sostanzialmente l'uomo chiave che avrebbe permesso a Julian Assange di scoperchiare quel "vaso di Pandora" che sta continuando a mettere in crisi la credibilità dei governi di mezzo mondo. L'attacco informatico ai siti di Costantino Vitagliano e Fabrizio Corona non è tanto un classico "defacing" quanto un "intarsio" di contenuti all'interno dell'impaginazione originale di "fabriziocorona.it" e "costantinovitagliano.it". L'attacco informatico sarebbe stato messo a segno, secondo le date che appaiono sui post, il 17 dicembre ma i contenuti degli Anonymous sono ancora presenti (27 dicembre, ndr) sui due domini. Sul sito di Costantino Vitagliano si legge nel "caldendario eventi" in luogo del 17 dicembre: "We are Bradley Manning/ We are Arab Spring, European Summer, American Autumn/ We are the 99% / We do not forgive / We do not forget / Expect us. NEL TEMPO DELL'INGANNO UNIVERSALE DIRE LA VERITA' E' UN ATTO RIVOLUZIONARIO. December 17 a Day Of Solidarity and Remembrance". Sul sito di Fabrizio Corona invece sono presenti delle slide che mostrano "graficamente" la solidarietà a Bradley Manning ed in più il famoso video "Collateral Murder" di WikiLeaks che immortala un elicottero Apache degli Stati Uniti in Iraq sparare a terra in direzione di alcuni civili, tra cui due reporter della Reuters (http://is.gd/HGIzdF).

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: