le notizie che fanno testo, dal 2010

Anonymous: abbiamo sventato un attacco ISIS contro l'Italia

Il gruppo hacker degli Anonymous rivela di aver "sventato un attacco ISIS contro l'Italia", annunciando che "ad operazione compiuta" sarà diffuso un "comunicato video" per spiegare che tipo di attentato è stato fermato, e in che modo. Anonymous aveva promesso di dare la caccia ai jihadisti on-line dello Stato Islamico in seguito agli attentati terroristici di Parigi del 13 novembre scorso.

"In questo mese abbiamo lavorato in silenzio. Abbiamo comunque sventato un attacco ISIS contro l'Italia, speriamo di bloccarne altri" rivela su Twitter il gruppo hacker degli Anonymous, in un cinguettio postato sull'account #OpParis il giorno di Natale. Il messaggio è stato poi cancellato, ma successivamente gli Anonymous rispondendo ad un altro utente che sottolinea come il tweet sia ormai finito "su tanti siti" spiegano: "Lo sappiamo, è stato tolto per evitare panico generale, ci sarà poi un comunicato video ad operazione compiuta..". Al momento, infatti, non è chiaro che tipo di "attacco ISIS" gli Anonymous abbiamo sventato in Italia visto che il gruppo hacker si muove solo sul web. Negli ultimi messaggi postati su #OpParis gli hacker confermano solamente: "Sì, 1 attacco è stato fermato, un video sarà rilasciato dopo che l'operazione sarà completata, non c'è tempo per soddisfare la vostra curiosità, rimanete sintonizzati .. - e ancora - E' un momento delicato in cui #ISIS #Daesh ci teme. Noi spiamo le loro comunicazioni".

Anonymous aveva promesso di dare la caccia ai jihadisti on-line dello Stato Islamico in seguito agli attentati terroristici di Parigi del 13 novembre scorso, che causarono la morte di 130 persone. Subito dopo gli attentati di Parigi un hacker con la maschera di Guy Fawkes in un video su Youtube aveva avvertito l'ISIS assicurando: "Aspettateci perché gli Anonymous vi daranno la caccia. Vi troveremo e non vi lasceremo scappare", dalla Rete ovviamente. Dopo Francois Hollande, anche gli Anonymous avevano quindi "dichiarato guerra" allo Stato Islamico che recluta militanti su internet, annunciando: "Lanceremo la più grande operazione contro di voi. Aspettatevi attacchi informatici massicci. La guerra è dichiarata. Preparatevi". All'inizio di dicembre, il gruppo hacker ha lanciato un attacco informatico contro la Turchia, accusando i leader del Paese di sostenere l'ISIS. Finora, l'OpParis ha invece "oscurato 12mila account" ritenuti legati allo Stato Islamico.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: