le notizie che fanno testo, dal 2010

Molinette Torino: parto cesareo con mamma tenuta in circolazione extracorporea

All'ospedale Molinette della Città della Salute di Torino è nato per la prima volta un bimbo in sala operatoria di Cardiochirurgia. La mamma di 30 anni è affetta da una grave cardiopatia congenita. Il parto con taglio cesareo è avvenuto con la paziente tenuta in stand - by di CEC (circolazione extracorporea), come durante un intervento cardiochirurgico

"Per la prima volta è nato un bimbo in sala operatoria di Cardiochirurgia dell'ospedale Molinette della Città della Salute di Torino" annuncia attraverso un comunicato stampa il nosocomio, raccontando la nascita di un bimbo di 31 settimane. L'ospedale Molinette spiega che "la mamma di 30 anni di Torino, affetta da una grave cardiopatia congenita fin dai primi mesi di vita, ha affrontato la difficoltà di una gravidanza che poteva essere molto rischiosa per se stessa e per il feto. - sottolineando - La criticità della gravidanza era conseguente al rischio di scarsa ossigenazione della madre, ma soprattutto del feto". La scelta di una nascita prematura in una sala operatoria di Cardiochirurgia "si è fatta particolarmente difficile nell'ultimo giorno, in cui le gravi condizioni cliniche della mamma e la peculiarità della cardiopatia hanno imposto il parto in una struttura cardiochirurgica ad alta complessità, quale quella diretta dal professor Mauro Rinaldi, al fine di garantire la massima sicurezza della mamma stessa" prosegue la nota dell'ospedale, precisando che per via della "novità assoluta è intervenuta l'équipe della Terapia Intensiva Neonatale, diretta dal professor Enrico Bertino, per allestire l'ambiente idoneo per questo parto ad alto rischio, adattando le caratteristiche ambientali e tecniche della sala operatoria a quella di una sala cesarei". Il 19 marzo "i dottori Paolo Petruzzelli e Pietro Gaglioti (dell'équipe ostetrica diretta dalla professoressa Todros) hanno eseguito con successo il taglio cesareo sulla paziente tenuta in stand - by di CEC (circolazione extracorporea) come durante un intervento cardiochirurgico, monitorati ed assistiti dal professor Mauro Rinaldi e dagli anestesisti Mario Lupo e Simona Quaglia (dell'équipe della dottoressa Evelina Gollo)". Il bimbo, di 1550 grammi di peso, è stato poi "immediatamente sottoposto a rianimazione ed assistenza respiratoria, e successivamente trasferito nel reparto di Terapia Intensiva Neonatale dell'Università dell'ospedale Sant'Anna". Le Molinette di Torino assicura che "attualmente le condizioni generali e respiratorie del neonato sono in progressivo miglioramento". Anche la mamma sta bene sarà seguita "per il delicato periodo del postparto, dai cardiorianimatori delle Molinette e dagli ostetrici del Sant'Anna".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: