le notizie che fanno testo, dal 2010

Mamme in sovrappeso in gravidanza: da adulti i figli rischiano obesità

Uno studio sembra dimostrare che una donna con qualche chilo di troppo in gravidanza non solo rischia di far nascere un bambino in sovrappeso ma potrebbe essere anche la causa di futuri problemi di salute del figlio quando sarà adulto.

Che madri in sovrappeso concepissero più frequentemente figli grassi è noto da tempo, ma uno studio condotto dall'Università di Gerusalemme, in collaborazione con la University of Washington a Seattle, sarebbe in grado di dimostrare come tale "pesante" eredità sia riscontrabile ancora dopo anni anni dalla nascita.
I ricercatori hanno effettuato un'esame del sangue a 1.400 uomini e donne di 32 anni, confrontando tali dati con quelli raccolti dalle madri al momento del parto.
L'analisi è stata poi pubblicata sulla rivista Circulation, e sembra mostrare evidenti legami tra la salute della madre quando era incinta e del figlio.
In poche parole, pare esserci una forte corrispondenza tra le madri che negli anni '70 erano obese e i figli attualmente in sovrappeso.
La preoccupazione dei ricercatori risiede però soprattutto nel fatto che una madre in sovrappeso durante la gravidanza può causare problemi di salute al figlio anche a distanza di anni. Lo studio rivela che i figli delle donne obese al momento del parto mostrano in media un girovita più largo di tre centimetri rispetto "allo standard", una pressione sanguigna e livelli di grasso nel sangue più alti, nonché una percentuale più bassa del cosiddetto "colesterolo buono".
Tutto ciò, fanno notare i ricercatori, potrebbe aumentare il rischio di una serie di malattie, dal diabete agli attacchi di cuore, senza contare naturalmente che una mamma in forte sovrappeso durante la gravidanza ha una più alta probabilità di ricorrere al parto cesareo ed ha un maggior rischio di perdere sangue durante il parto, mettendo in pericolo la vita del nascituro.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: