le notizie che fanno testo, dal 2010

E' nata Giulia, la bimba operata al cuore nella pancia della mamma

E' nata Giulia, che sta bene e pesa 2 chili e 710 grammi, la bimba operata a cuore quando ancora nella pancia della mamma. Fu il primo intervento del genere in Italia, effettuato all'ospedale Regina Margherita di Torino.

Sta bene e pesa 2 chili e 710 grammi Giulia, la bimba che a sole 20 settimane, grazie la coraggio dei genitori Stefania e Pasquale e alla professionalità dell'equipe dell'ospedale Regina Margherita di Torino, è stata operata al cuore quando ancora nella pancia della mamma. Durante la gestazione, infatti, alla piccola fu diagnosticata una cardiopatia complessa, che in poche parole significava un vetricolo destro troppo piccolo, col rischio quindi che Giulia non riuscisse a sviluppare un cuore normale. Il 13 maggio scorso, perciò, si tentò quello che in Italia non era mai stato fatto prima: un cateterismo interventistico fetale attraverso la pancia della mamma, che è riuscito a dilatare la valvola polmonare e ha permesso la prosecuzione della gravidanza senza ulteriori complicazioni, con il vetricolo destro che ha continuato a crescere normalmente. L'operazione è stata condotta in maniera congiunta dalla dottoressa Gabriella Agnoletti, responsabile del servizio di Cardiologia, e dal dottor Pietro Gaglioti, sotto controllo ecografico. Giulia è quindi nata il 3 agosto e due giorni dopo la dottoressa Agnoletti ha eseguito un nuovo intervento sul cuore della neonata, ridilatando la valvola polmonare e tenendo aperto il dotto di Botallo con una reticella ("stent"). Ciò è servito per permettere a Giulia di crescere senza l'ausilio di alcun farmaco. L'ospedale Regina Margherita sottolinea che "il miracolo" è stato possibile anche grazie al "fondamentale supporto delle equipe di anestesisti Evelina Gollo dell'ospedale Sant'Anna e Ingrid Distefano del Regina Margherita, degli infermieri e dei tecnici di Radiologia".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# cuore# farmaco# genitori# gravidanza# Italia# Torino