le notizie che fanno testo, dal 2010

Doula questa sconosciuta: a Roma Mammadoula in "tour" informativo

Aspetti un bambino? Sei diventata mamma? Roma Doula con te. Questo lo slogan del piccolo tour informativo che la rete delle doule di Roma, nell'ambito del progetto "La doula e le donne", proporrà nelle piazze romane. Una "presenza fondamentale per l'accompagnamento delle donne durante la gravidanza, il parto e il dopoparto".

Alla Casa Internazionale delle donne a Roma la Commissione delle Elette del Comune di Roma, in collaborazione con l'Associazione Culturale Turbine e la rete Mammadoula hanno presentato il 30 gennaio il progetto "La doula e le donne". Ma innanzitutto bisogna spiegare che cosa è una doula. Wikipedia viene in aiuto con una prudente definizione: "La doula è una figura assistenziale non medica e non sanitaria che si occupa del supporto alla donna durante tutto il percorso perinatale, dalla gravidanza al post-partum. E' una donna che, forte della sua esperienza personale e della sua preparazione, offre un sostegno su misura, intimo e confidenziale, nel pieno rispetto delle scelte delle persone che si rivolgono a lei. Non ha compiuto studi per supportare la donna in modo professionale come invece ha svolto l'ostetrica". La rete Mammadoula dal suo sito spiega il lavoro della doula in maniera forse più "femminile": "La gravidanza, il parto e il puerperio sono momenti delicati da un punto di vista fisico, psicologico, ed emotivo. Oltre all'assistenza medica e all'amore del loro partner le donne hanno infatti bisogno anche di costante rassicurazione, incoraggiamento e rispetto. Hanno bisogno di qualcuno che si prenda cura di loro, delle loro emozioni, e della loro esperienza. Questo vuoto significativo è colmato oggi dalla figura professionale della DOULA".

Non a caso come afferma Monica Cirinnà Presidente della Commissione delle Elette Comune di Roma: "La Commissione delle Elette di Roma Capitale, di cui sono Presidente da alcuni anni, ha finanziato questo interessante progetto, che vuole contribuire alla sensibilizzazione dei cittadini alla doula come figura di supporto, ascolto, accompagnamento della donna e della famiglia durante l'intero percorso nascita". Per Monica Cirinnà la doula è "una figura che soddisfa oggi un bisogno sociale e personale al tempo stesso, e che concorre a sottolineare il valore imprescindibile di vivere gravidanza, parto e dopoparto in totale consapevolezza, partecipazione, condivisione e serenità. Il nostro intento è sempre quello di restare vicine a un mondo al femminile, fatto di madri, di nonne e di zie sempre più consapevoli, nella certezza che il grande bagaglio di conoscenze ed esperienze delle donne di oggi sarà radice e sostegno per le generazioni future". Una figura che però non deve essere confusa come una sorta di "dama di compagnia" per le gestanti o le neomamme.

Spiega ancora Mammadoula: "La parola doula viene dal greco antico, significa 'donna che serve' ed è usata in riferimento ad una professionista che fornisce appunto un continuo supporto emotivo alla madre (e alle famiglie) prima durante e dopo il parto. (...) Gli ultimi studi dimostrano che con una doula a fianco si riducono considerevolmente i tempi del travaglio, il ricorso all'anestesia epidurale, taglio cesareo e forcipe. Recenti studi, pubblicati qualche anno fa su American Journal of Obstetrics and Gynecology, dimostrano chiaramente i benefici della presenza di una doula durante il travaglio e il parto". Ed in effetti, la figura della "doula" non può che essere sicuramente in ascesa, soprattutto nelle "umanamente desertificate" metropoli occidentali, dove anche il benessere riesce a diventare decadente, mancando spesso di sincera apertura alla vita. In un mondo complesso e pieno di paure la doula non può che essere un elemento positivo durante le fasi più emozionali, non soltanto "classiche". Un momento di "ansia" fuori programma, per chi è prossima al parto, potrebbe infatti essere lo sciopero dei ginecologi e delle ostetriche del 12 febbraio.

Qualche doula sicuramente si sta occupando anche di questo, spiegando e rasserenando. La conferenza stampa di Roma è servita a sottolineare l'importanza di questa figura che "in Italia, diversamente da quanto accade in nord Europa, Australia e Americhe, è poco conosciuta e non è ancora entrata a far parte dell'immaginario collettivo circa la maternità", come sottolinea la rete Mammadoula. E così, sia per rafforzare questo "immaginario collettivo", sia per dare informazioni e spiegare il prezioso servizio della doula, per tre giorni un caratteristico pulmino girerà per Roma in un piccolo tour. Questo l'invito: Aspetti un bambino? Sei diventata mamma? Roma Doula con te", con gli appuntamenti nelle piazze romane da giovedì 31 gennaio a sabato 2 febbraio.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: