le notizie che fanno testo, dal 2010

La nuova promessa di Renzi: via slot da bar, tabaccherie e negozi

Il premier Matteo Renzi afferma che il governo sta lavorando ad una misura per togliere le slot machine dalle tabaccherie e dagli esercizi commerciali, bar compresi. Conferma il sottosegretario all'Economia con delega ai giochi, Pier Paolo Baretta.

Nel corso di una intervista al magazine "Vita", il premier Matteo Renzi lancia l'ennesima promessa. Renzi assicura che per la ricostruzione post terremoto in centro Italia, il governo non aumenterà "il costo della benzina con l'ennesima accise" né verranno allargate "le maglie sul gioco d'azzardo e sulle slot machine per finanziare la ricostruzione".

E proprio sul gioco d'azzardo il Presidente del Consiglio si sofferma, assicurando che l'esecutivo sta mettendo a punto una misura che toglierà le slot machine dalle tabaccherie e dagli esercizi commerciali.

A confermare la linea di intervento anche il sottosegretario all'Economia con delega ai giochi, Pier Paolo Baretta: "Abbiamo avviato a luglio una proposta in Conferenza Unificata che prevede di andare oltre la riduzione di almeno il 30% delle slot machines, già decisa con la legge di stabilità e di farlo eliminando l'offerta di gioco dagli esercizi generalisti secondari (alberghi, esercizi commerciali, edicole, ristoranti, stabilimenti balneari, rifugi alpini, e altri); riducendola in modo significativo - fino ad azzerarla - nei pubblici esercizi (bar) e nelle rivendite di tabacchi; introducendo una certificazione di doppio livello (classe A e classe B) dei punti gioco e un rigoroso sistema di controlli".

"Sono tre anni che la XII Commissione della Camera ha votato all'unanimità un ddl che va in questa direzione e che non è mai giunto in Aula, per una ostinata opposizione della Commissione Bilancio" ricorda Paola Binetti, deputata di Area Popolare.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: