le notizie che fanno testo, dal 2010

Vladimir Luxuria: arrestata e liberata a Sochi 2014 per bandiera "gay è ok"

In Russia esiste una legge che "punisce la propaganda gay davanti i minori". Vladimir Luxuria ha esposto una bandiera con la scritta in russo "gay è ok" mentre guardava le Olimpiadi invernali di Sochi 2014 dagli spalti. Per questo motivo, la ex parlamentare Vladimir Luxuria è stata fermata e poi rilasciata.

"Sono a Sochi! Saluti con i colori della rainbow, alla faccia di Putin!" cinguettava su Twitter Vladimir Luxuria, postando una foto. Poco dopo, la notizia però che Vladimir Luxuria era stata fermata perché ha esposto una bandiera con la scritta in russo "gay è ok" mentre guardava le Olimpiadi invernali di Sochi 2014 dagli spalti. In Russia, infatti, vi è una legge che "punisce la propaganda gay davanti i minori". Imma Battaglia, il presidente onorario di "Gay Project" comunica quindi la notizia dell'arresto, spiegando: "Ho appena ricevuto una telefonata da Vladimir Luxuria. E' stata arrestata dalla polizia a Sochi mentre assisteva alle Olimpiadi con una bandiera con la scritta in russo 'gay è ok'. - ed afferma - L'atteggiamento degli agenti è stato brutale e aggressivo. Nessuno parla inglese. Ora si trova da sola in una stanza con luci al neon sulla faccia, presumibilmente in stato di fermo. Chiediamo un intervento immediato del ministro Emma Bonino". Intervento che a quanto pare è stato piuttosto celere (forse anche perché Vladimir Luxuria è un ex parlamentare), tanto che poche ore dopo il fermo, Imma Battaglia informa: "E' libera e sta bene. Così mi ha scritto in un messaggio il ministro degli Esteri". Anche il parlamentare del PD Ivan Scalfarotto su Twitter conferma: "Ho parlato con Vladimir Luxuria. L'hanno rilasciata e sta bene, grazie al cielo". Poco più tardi anche Fabrizio Marrazzo, portavoce del Gay Center, ha fatto sapere di aver ricevuto un sms in cui Luxuria gli assicurava: "Sono stata liberata e domani assisterò ai Giochi". All'ex parlamentare arriva anche la solidarietà del leader di Sinistra ecologia e libertà Nichi Vendola che su Twitter scrive: "Ribelle, libera, senza paura dei gendarmi della moralità di Stato". "Luxuria ci ha riferito telefonicamente di essere stata trattata cordialmente e di non aver subito violenze o intimidazioni da parte della polizia" ha in seguito specificato un funzionario della Farnesina, spiegando che è stata trattenuta oltre il previsto per la mancanza di un traduttore. Nonostante questo, l'associazione Gay Project ha organizzato per oggi lunedì 17 febbraio, alle ore 20:00, un sit-in davanti all'ambasciata russa in via Gaeta, a Roma.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: