le notizie che fanno testo, dal 2010

Crisi del gas, Poroshenko: con Putin accordo sui "parametri di base"

A Milano, a margine del vertice Asem, si è riunito nuovamente il "formato Normandia", composto da il presidente russo Vladimir Putin, il presidente francese Francois Hollande, il cancelliere tedesco Angela Merkel e il presidente ucraino Petro Poroshenko. Ogetto dell'incontro la crisi del gas tra Russia e Ucraina. Poroshenko assicura che con Putin stati concordati "i parametri di base del futuro contratto sul gas".

Il presidente russo Vladimir Putin ha espresso soddisfazione per l'esito dei colloqui nel cosiddetto "formato Normandia", che si sono svolti a Milano. A margine del vertice Asia-Europa (ASEM), si sono infatti incontrati Putin, il presidente francese Francois Hollande, il cancelliere tedesco Angela Merkel e il presidente ucraino Petro Poroshenko per arrivare ad un accordo che riesca a risolvere la crisi del gas tra Kiev e Mosca, ma che coinvolge direttamente l'Europa. Il cosiddetto "formato Normandia" è nato all'inizio di giugno, quando i presidenti di Russia, Francia, Germania e Ucraina si sono incontrati in una serie di colloqui a margine delle celebrazioni del 70esimo anniversario dello sbarco delle truppe alleate in Normandia. Sia Putin che Petro Poroshenko hanno espresso soddisfazione sull'esito del colloquio milanese, con il presidente ucraino che assicura come siano stati concordati in questa occasione "i parametri di base del futuro contratto sul gas". "Tutti eravamo d'accordo sui parametri di base" assicura Poroshenko. L'ultima offerta della Russia (rifiutata da Kiev) risale alla seconda settimana di ottobre, quando Mosca ha proposto all'Ucraina un rimborso del debito maggiormente flessibile, abbassando da 2 a 1,45 miliardi di dollari la prima rata da versare prima dell'inizio delle consegne. L'Ucraina avrebbe nei confronti della Russia più di 5 miliardi di debito, di cui stando alle ultime proposte 3,1 miliardi da saldare entro il 2014. A Milano si sono incontrati, ma a porte chiuse, anche il ministro dell'energia russo Alexander Novak, il Ceo del colosso energetico russo Gazprom Alexey Miller e il ministro dell'Energia ucraino Yuriy Prodan. Novak ha quindi anticipato che è in programma un nuovo colloquio sulle forniture di gas naturale russo verso l'Ucraina e il transito attraverso il suo territorio di quello diretto in Europa poiché al momento si è ancora "al negoziato".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: