le notizie che fanno testo, dal 2010

Caso Skripal, la contromossa della Russia: via 23 diplomatici inglesi

La Russia ha annunciato l'espulsione di 23 diplomatici britannici in risposta alle accuse di Theresa May sul caso Skripal, l'ex spia del KBG avvelenato con il gas nervino.

Come era prevedibile, la Russia ha deciso di espellere lo stesso numero di diplomatici britannici per rispondere agli attacchi di Londra dopo il caso dell'ex spia del KBG Serghej Skripal, avvelenato qualche giorno con gas nervino a Salisbury insieme alla figlia Yulia. Le condizioni di Skripal rimangono gravissime.

Il 14 marzo il premier inglese Theresa May ha annunciato l'espulsione di 23 diplomatici russi.

Nel giorno del silenzio elettorale, alla vigilia del voto di domenica 18 marzo, l'ambasciatore britannico a Mosca, Laurie Bristow, è stato quindi convocato al Ministero degli Esteri per essere informato che Mosca è in procinto di espellere a sua volta 23 diplomatici britannici.
I 23 impiegati dell'ambasciata britannica dovranno lasciare la Russia entro una settimana in quanto "persone non più grate".

Inoltre, la Russia ha ritirato il suo consenso all'apertura del consolato generale britannico a San Pietroburgo nonché interrotto le attività del British Council sul suo territorio "a causa dello status non definito".

© riproduzione riservata | online: | update: 17/03/2018

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Caso Skripal, la contromossa della Russia: via 23 diplomatici inglesi
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI