le notizie che fanno testo, dal 2010

Tesimo (Bolzano): in fuga dopo un raid in abitazioni, arrestati 2 serbi

"Spettacolare operazione dei Carabinieri di Bolzano, che anche grazie all'aiuto dell'elicottero riescono ad intercettare ed arrestare 2 malviventi serbi che avevano appena compiuto un raid ladresco in 3 appartamenti nell'abitato di Tesimo", diffondono in una nota i militi.

"Spettacolare operazione dei Carabinieri di Bolzano - fa sapere in una nota l'Arma -, che anche grazie all'aiuto dell'elicottero riescono ad intercettare ed arrestare 2 malviventi serbi che avevano appena compiuto un raid ladresco in 3 appartamenti nell'abitato di Tesimo. Sono le 12.30 quando in via Principale, a Tesimo, 2 uomini di 56 e 40 anni, entrambi di origini serbe, iniziano una rocambolesca fuga a bordo di una Volkswagen Golf con targa straniera."
"I due hanno appena sfondato la porta d'ingresso di 3 appartamenti situati all'interno di una palazzina ed hanno raccolto un magro bottino: appena 380 euro in contanti, alcuni monili in oro ed un orologio, ma sono dovuti fuggire per via dell'allarme dell'ultima abitazione 'visitata' che ha iniziato a suonare. Immediatamente la Centrale Operativa del 112 dei Carabinieri invia sul posto una pattuglia del Nucleo Radiomobile di Bolzano, che a sirene spiegate raggiunge l'abitato di Tesimo in pochissimi minuti. I due intanto fuggono in direzione del centro del paese, ma dopo poche centinaia di metri finiscono la loro corsa contro il muro dell'albergo 'Roeschhof'. Uno dei due sanguina dalla testa, ma non si perdono d'animo e raggiungono il bosco circostante a piedi" prosegue la Benemerita.
I militi proseguono in ultimo: "A quel punto i Carabinieri, giunti sul posto, capiscono che l'unico modo per individuarli è quello di scovarli dall'alto e quindi richiedono l'intervento di un elicottero del 3° Elinucleo Carabinieri di Laives, che si alza in volo e raggiunge poco dopo il luogo delle ricerche; con il coordinamento della Centrale Operativa, il velivolo inizia le ricerche ed individua lungo una stradina secondaria i due fuggitivi, li segnala alla pattuglia a terra ed in pochi istanti i due finiscono in manette. Per loro è scattato un arresto in flagranza per furto aggravato in concorso. Tradotti nel carcere di via Dante, sono ora a disposizione dell'autorità giudiziaria."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: